CRONACA SARDEGNA - CAGLIARI

la pandemia

Virus, 167 contagi e quattro vittime. L'Isola verso "misure drastiche"

Ipotesi restrizioni anche in Sardegna come in molte altre regioni, alla luce dei dati allarmanti sulla crescita dei casi

Il coronavirus torna a condizionare pesantemente le vite degli italiani. Gli ultimi bollettini sulla pandemia in Italia fanno tremare.

A livello nazionale si contano oltre 15mila nuovi contagi e 127 morti (IL BOLLETTINO), in Sardegna (I DATI) i nuovi positivi sono 167 e si registrano 4 nuove vittime. E non cessa l'allarme negli ospedali, alla ricerca di posti letto per far fronte all'aumento dei ricoveri per Covid.

Una situazione che sta progressivamente portando Governo e Regioni a procedere a restrizioni mirate nel tentativo di arginare i contagi.

In Lombardia da stasera entra in vigore il coprifuoco dalle 23 alle 5 e le scuole superiori avvieranno la didattica a distanza. La Campania vieta gli spostamenti tra Province, limitazioni anche nel Lazio, dove torna l'autocertificazione.

E anche la Sardegna si prepara a prendere contromisure.

"La progressione della curva dei contagi sta registrando un'accelerazione che impone ulteriori e tempestive azioni per evitare di compromettere la tenuta del sistema sanitario e la regolare erogazione delle cure", ha dichiarato il governatore Christian Solinas. Aggiungendo: "Siamo pronti, se nelle prossime ore i numeri dei ricoveri continueranno a salire con il trend attuale, ad intervenire in maniera radicale per invertire la tendenza e tutelare la salute dei sardi".

Si pensa, in particolare di applicare nell'Isola uno "Stop&Go" di 15 giorni per le principali attività, "con contestuale chiusura di porti e aeroporti per limitare in modo rapido e incisivo la circolazione delle persone e, con esse, del virus".

Al contempo, ha concluso Solinas, saranno approntate "misure economiche di supporto per sostenere le perdite derivanti dalla sospensione temporanea delle attività".

Interventi sono richiesti anche dall'Anci, che invita le istituzioni regionali a passare dalle parole ai fatti.

Misure "drastiche" in vista, insomma, finalizzate ad arginare l'epidemia, nel tentativo di frenare contagi e morti e di dare respiro agli ospedali, sempre più sottopressione, in questa seconda ondata che sta mettendo - di nuovo - a dura prova il sistema Italia.

(Unioneonline/l.f.)

Tutti i dettagli su L'Unione Sarda oggi in edicola

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}