SPORT - BASKET

trasferta amara

Dinamo beffata: Venezia vince con un canestro all'ultimo secondo

Watt sulla sirena infila il punto che vale il 55-54 per i veneti
coach pozzecco (archivio l unione sarda)
Coach Pozzecco (Archivio L'Unione Sarda)

Durissima e intensa come una finale scudetto. Che vince ancora l'Umana Reyer con il semigancio mancino di Watt sulla sirena: 55-54. Il Banco di Sardegna perde la gara e finisce al terzo posto. Dimostra di potersela giocare contro una delle favorite del campionato.

Peccato davvero, perché in una serata con più di un giocatore sottotono (McLean e Vitali, ma anche Pierre e Jerrells in attacco) la squadra di Pozzecco sembrava averla vinta e poter affossare quella che è diventata una rivale persino più accesa di Milano.

Bellissimo l'avvio della Dinamo: Spissu alza i ritmi e segna da tre, Bilan attacca con intelligenza ed è +9 al 7', 7-16. I cambi di Venezia vanno però meglio di quelli sassaresi, con Vidmar più forte dentro l'area di McLean: 13-17.

Nel secondo quarto Pierre resta a secco, McLean non ne azzecca una, perde anche due palloni, mentre Chappell è in trance agonistica e guida la rimonta che diventa sorpasso con una tripla (23-22 al 17') poco dopo che coach Pozzecco ha ricomposto il quintetto.

Ma Venezia domina a rimbalzo con la coppia Watt-Vidmar e si porta a +8: 33-25 al 19'. E il Banco continua a sbagliare troppo dalla lunetta, 7/14. Nel terzo quarto sono ancora Spissu e Bilan a provare a ricucire: 40-39 al 27' con Evans servito da un no look di Bilan dentro l'area. Ma Vitali (1/6) e Pierre (0/2) non aiutano l'attacco e così Venezia resta sempre avanti, seppure di un solo canestro. In apertura di ultimo quarto due squilli di McLean e il Banco ritorna avanti dopo una vita: 44-45, ma Venezia è tosta con le sue zone match up ma anche fortunata: Filloy segna da tre con tabellata centrale e poi Chappell per il break di 7-0.

Bilan però è immenso e Jerrells con un'entrata col giro segna il sorpasso: 53-54 a 22". Grazie ai tre falli del bonus rimasto la Dinamo mangia tutto il tempo, poi palla a due ma possesso a Venezia con due secondi. Bastano a Watt per la vittoria.

Umana Venezia: Stone, Bramos 4, Tonut 2, Daye 4, Mazzola 3, De Nicolao 4, Filloy 6, Vidmar 9, Chappell 11, Pellegrino ne, Cerella, Watt 12. All. De Raffaele.

Banco di Sardegna Sassari: Spissu 11, McLean 4, Bilan 16, Bucarelli, Devecchi ne, Evans 8, Magro ne, Pierre 1, Gentile 5,Vitali 4 Jerrells 5. All. Pozzecco

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...