CRONACA SARDEGNA - PROVINCIA DI CAGLIARI

premio speciale

La pizza di Stefano Mura incanta i giudici di Rimini

Il pizzaiolo di Villaspeciosa stupisce al World Gourmet contest grazie agli ingredienti a km zero
stefano mura premiato a rimini (foto concessa)
Stefano Mura premiato a Rimini (Foto concessa)

Per andare sul sicuro e conquistare il palato dei giudici, gli ingredienti per la sua pizza se li è portati da casa. Una mossa vincente quella di Stefano Mura, 39 anni, titolare di una pizzeria di Villaspeciosa, che grazie all'utilizzo di soli prodotti sardi ha vinto il premio speciale per la pizza innovativa, in palio al World gourmet contest di Rimini. Componente della Nazionale italiana pizzaioli (Nip), Mura era l'unico sardo in gara.

La ricetta - Per stregare la riviera romagnola ha preparato un impasto con basilico e rucola, dando un sapore particolare alla pizza condita con carciofi di Villaspeciosa sfumati con vermentino, bottarga di Cabras e mandarini. «Avevo lavorato per due settimane alla ricetta, con tante cavie che si sono rese disponibili a darmi un parere», racconta Mura. «Ancora non ho trovato un nome per la pizza che ha conquistato la giuria soprattutto per la qualità dei prodotti: tutti hanno apprezzato il fatto che provenissero dall'Isola. Avrei potuto trovarli pure a Rimini ma non sarebbero stati come i nostri». Durante la gara, il pizzaiolo ha inoltre proposto una pizza per vegani, anche questa preparata con prodotti coltivati in Sardegna: «Un mix di verdure crude, zucchine, peperoni gialli e rossi, olio, pepe e succo delle nostre arance».

Genuinità - Il segreto della qualità per il pizzaiolo sono i prodotti sotto casa: «Cerco di valorizzare il lavoro di tutti i giorni, grazie all'utilizzo di funghi e asparagi che cerco personalmente, ricotta, formaggi e "casizolu" delle nostre aziende». Dai quali possono nascere pizze particolari: «Tra le mie preferite ci sono quella con fresa di Bortigali e guanciale, una con casizolu di Montiferru e carciofi freschi e, infine, quella con funghi di stagione che è sempre molto apprezzata».

Il mercato - Essendo l'unico sardo in gara, tutti i colleghi hanno chiesto a Mura informazioni sulla vertenza latte: «Uno degli ingredienti base per una pizza. Ho cercato di spiegare quale fosse il problema, legato al basso costo del latte in confronto ai prodotti come il pecorino romano, che poi di romano non ha nulla. Nonostante le risorse di altissima qualità a nostra disposizione, credo che la Sardegna sia penalizzata fortemente dalle importazioni di prodotti a basso costo: bisognerebbe controllarli e limitarli. Allo stesso tempo valorizzare i nostri con prezzi più competitivi. A livello personale, per il paese e la Sardegna, sono molto soddisfatto del premio: i nostri prodotti possono dire la loro in tutto il mondo e sono molto apprezzati».

Lorenzo Ena

***

https://www.unionesarda.it/sardi-nel-mondo

Potete inviare le vostre lettere e segnalazioni a isardinelmondo@unionesarda.it

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...