CRONACA SARDEGNA - GALLURA

il caso

Bimba contesa a Porto Cervo, la manager russa: "Nessun bodyguard, io sono stata aggredita"

Il giallo si infittisce, spetta ai giudici di Tempio Pausania sbrogliare una vicenda che si fa sempre più intricata, dopo la controdenuncia della donna
(archivio l unione sarda)
(Archivio L'Unione Sarda)

"Nessun bodyguard, io sono stata aggredita dal mio ex".

Si infittisce il giallo della Costa Smeralda, che vede al centro della vicenda una bambina contesa da due facoltosi manager - romano lui, russa lei - che ora si scambiano reciproche accuse finite al vaglio della Procura di Tempio.

L'avvocato della manager, Sabrina Mura, fa sapere che la donna ha presentato una denuncia alla questura di Imperia, in Liguria, la più vicina alla sua residenza di Montecarlo dove è stata rintracciata ieri sera dai carabiniri di Porto Cervo in seguito alla denuncia dell'ex marito, il quale sostiene che la donna si sia avvalsa di un bodyguard che lo ha immobilizzato affinchè lei potesse portar via la bambina.

La legale precisa anche che esiste un fascicolo, passato dal tribunale dei minori di Sassari alla Procura di Tempio, dopo che la donna ha denunciato l'ex per aver contravvenuto agli accordi sull'affidamento congiunto della piccola.

La vicenda, insomma, si fa sempre più intricata. Spetta ai giudici di Tempio sbrogliarla.

(Unioneonline/L)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}