SPORT - CALCIO

serie d

Il Latte Dolce a Formia, questa volta serve la vittoria

Il tecnico Fossati: "Dobbiamo fare punti"
il tecnico fabio fossati sembra indicare i punti che servono dalla gara di formia (foto ufficio stampa)
Il tecnico Fabio Fossati sembra indicare i punti che servono dalla gara di Formia (foto ufficio stampa)

Tre sconfitte di fila, un girone di ritorno iniziato male e che ha avvicinato la squadra sassarese alla zona playout. Un fatto è certo: domani a Formia non basta il pareggio come all'andata (2-2) perché il Latte Dolce ha bisogno di ritrovare la vittoria. Anche la formazione laziale vuole il successo che manca da un mese.

Il tecnico dei sassaresi, Fabio Fossati, dice: "In ogni gara dovremo fare tutto quanto possibile per portare a casa qualcosa, dovremo ragionare in funzione del fatto che in questo specifico momento è importante portare sempre a casa qualcosa. Serve fissare il lavoro fatto durante la settimana con qualche buon risultato, che dia a livello di gruppo la consapevolezza del fatto che si lavora bene. La gara di domenica col Monterosi poteva fare da apripista a questo tipo di discorso: per 70' abbiamo disputato una grandissima gara contro una squadra forte ma una volta preso il gol del 2-2 ci siamo scomposti, negli ultimi 10' di gioco ci siamo sfilacciati ed è stato un vero peccato".

Il Formia è squadra che ha bilancio sovrapponibile tra casa e trasferta, ma tra le mura amiche segna la metà delle reti, appena 8 in nove partite.

Mister Fossati presenta così il match: "Il Formia gioca un ottimo calcio, è squadra ben strutturata che ha le sue dinamiche. Sappiamo che abbiamo di fronte un avversario ostico, come lo era il Monterosi. Eppure contro di loro abbiamo fatto una buona partita, per cui possiamo dobbiamo e vogliamo fare una buona partita anche domani. Faremo la nostra gara, cercando di portare a casa i tre punti. Vincere sarebbe favoloso, ma se per caso non si riuscisse a farlo, allora dovremo lavorare per portare a casa anche solo un punto: nei momenti difficili occorre diventare squadra di temperamento, squadra che sa soffrire, che non butta la testa altrove e resta dentro il match per tutti i 90 minuti e oltre".

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}