"Il Pd bocciato dagli italiani torna al governo grazie a Mattarella? Questa non è democrazia, non è rispetto del voto popolare. Questo è solo il colpo di coda dei poteri forti che vogliono l'Italia schiava, impaurita e precaria", così Matteo Salvini commenta l'incarico a Carlo Cottarelli per la formazione del governo dopo il fallimento del progetto giallo-verde.

"Le prossime elezioni - continua il leader del Carroccio - saranno un plebiscito, popolo e vita vera contro vecchie caste e signori dello spread".

Salvini è su tutte le furie - anzi, "incazzato nero" per dirla con le sue parole - per il veto del Quirinale a Paolo Savona: "Ho letto e riletto la Costituzione e non c'è nessun articolo che proibisca di cambiare le regole Ue. Il problema non è che il Capo dello Stato ha detto di no a un nome, ma ha detto no a un'idea".

Gli attacchi a Mattarella sono pesanti: "Come don Abbondio, ha detto che questo governo non s'ha da fare: oggi poteva esserci un governo al lavoro, ma non c'è per scelta di un presidente della Repubblica che ha fatto l'arbitro ma parteggiava per una squadra". Tuttavia, a differenza di Di Maio Salvini non pensa per ora alla messa in stato d'accusa del Capo dello Stato

IL NODO SAVONA - Il leader leghista spiega così il no a Giorgetti, il numero due del Carroccio che Mattarella voleva mandare a via XX Settembre al posto dell'economista cagliaritano: "Savona era il migliore: non leghista, non grillino, e ci avrebbe garantito grandi risultati in Europa. Nessun altro avrebbe avuto il suo successo. Giorgetti nella Ue non avrebbe avuto lo stesso peso, lo sa lui e lo so io. Savona sarebbe stato un perno attorno a cui costruire il governo".

L'intenzione, ha spiegato questa mattina a Radio Capital Salvini, non era quella di uscire dall'euro: "Non era nei nostri programmi né in quelli di Savona. C'era solo la revisione del sistema bancario e delle tasse".

Il leader del Carroccio ora è pronto a passare all'incasso alle prossime elezioni, che era probabilmente il suo reale obiettivo anche prima dello strappo di ieri, che non si può ascrivere al solo Mattarella. E lancia la battaglia campale, quello che sarà il refrain della campagna elettorale dei prossimi mesi: "Popolo e vita vera contro vecchie caste e Signori dello Spread".

CON DI MAIO O BERLUSCONI? - Il vero giallo è uno: con chi andrà il Carroccio alle prossime elezioni? "Il programma di governo resta valido", fa sapere Salvini riferendosi al contratto realizzato nelle ultime settimane con i pentastellati. E mette subito sull'attenti Forza Italia: "Se votano la fiducia a Cottarelli l'alleanza è finita". Dall'entourage del Cav fanno sapere la fiducia al presidente incaricato non la voteranno. E Brunetta chiede senza mezzi termini all'alleato: "Non è tempo di porre aut aut su Cottarelli, al leader della Lega tocca rispondere ad un quesito elementare: intende prepararsi alle assai prossime elezioni facendosi carico con Forza Italia e Fratelli d'Italia del programma in dieci punti elaborato insieme, o vuole trasformare in manifesto elettorale il contratto elaborato coi 5 Stelle presentandosi con loro favanti agli italiani? Non c'è più tempo, si decida".

Un aut aut a cui difficilmente il leader del Carroccio, che vuole tenersi le mani libere, risponderà subito.

E se Berlusconi conferma che non voterà la fiducia a Cottarelli e fa sapere che non vede altro futuro se non quello di un centrodestra unito alle prossime elezioni, Salvini prende tempo: "Ci penserò".

(Unioneonline/L)

IL DISCORSO DI COTTARELLI:

Salta il governo Conte: e la Rete si scatena
Salta il governo Conte: e la Rete si scatena
Salta il governo Conte: e la Rete si scatena
Un post che sottointende la celebre battuta di Alberto Sordi ne \"Il marchese del Grillo\"
Un post che sottointende la celebre battuta di Alberto Sordi ne \"Il marchese del Grillo\"
Un post che sottointende la celebre battuta di Alberto Sordi ne "Il marchese del Grillo"
Giuseppe Conte sulla breve esperienza al Governo
Giuseppe Conte sulla breve esperienza al Governo
Giuseppe Conte sulla breve esperienza al Governo
Silvio Berlusconi gongola, anche perché è tornato candidabile
Silvio Berlusconi gongola, anche perché è tornato candidabile
Silvio Berlusconi gongola, anche perché è tornato candidabile
L'ironia di Kotiomkin
L'ironia di Kotiomkin
L'ironia di Kotiomkin
Kotiomkin/2
Kotiomkin/2
Kotiomkin/2
Roma, Quirinale 2018: decide Berlino (ma quello della Casa di Carta)
Roma, Quirinale 2018: decide Berlino (ma quello della Casa di Carta)
Roma, Quirinale 2018: decide Berlino (ma quello della Casa di Carta)
Una vignetta tagliente
Una vignetta tagliente
Una vignetta tagliente

© Riproduzione riservata