"Sono pronto anche ad andare a Bruxelles, a piazzare una tendina e a dormire lì per la continuità territoriale aerea". Parola di Gianni Chessa, assessore regionale al Turismo, con riferimento al nulla di fatto nel vertice di ieri tra Regione, Governo e Commissione Ue sulla proroga del piano che regola i collegamenti aerei con l'Isola e sul nuovo piano presentato dalla giunta Solinas.

"Bisogna stare tutti uniti - ha spiegato l'assessore - e se occorre, essere pronti anche a scendere in piazza".

Villa Devoto, comunque, resta fiduciosa. "Spero - ha concluso Chessa - che a Roma e in Europa prevalga il buon senso".

Gianni Chessa ai microfoni di Videolina

Chessa ha parlato nel corso della presentazione dei voli programmati all'aeroporto di Cagliari per la stagione estiva 2020. Sono dieci le nuove rotte che collegheranno Cagliari a 19 nazioni, con 4,7 milioni di posti in vendita (QUI IL DETTAGLIO).

IL PIANO - Intanto, emergono nuovi dettagli sul piano della continuità proposto dalla giunta Solinas alla Commissione Ue.

Il piano prevede una doppia tariffa per residenti e non: per i residenti biglietti a 20 e 30 euro per Roma e Milano più tasse aeroportuali; per i non residenti fino a un massimo del doppio nei mesi invernali di novembre, dicembre, gennaio, febbraio. Ma - ha precisato in consiglio regionale l'assessore di Villa Devoto ai Trasporti Giorgio Todde - nella stagione summer, da marzo a ottobre - quindi non per quattro mesi come si pensava inizialmente - le tariffe per i turisti saranno sottoposte a regime di libero mercato. "Mi auguro che arrivi una risposta da Bruxelles al massimo entro la settimana", ha detto lo stesso Todde, che nelle prossime ore sarà a Roma per incontrare il ministro dei Trasporti Paola De Micheli.

(Unioneonline/l.f.)
© Riproduzione riservata