"Cara Unione,

siamo a Solanas, e questo che mostro nelle foto inviate è ciò che rimane di uno splendido viale alberato.

Quello nel secondo scatto, in particolare, è un cipresso di oltre cento anni.

O meglio, era.

Perché le conifere, una volta tagliate le fronde, non sono più in grado di rigettarne di nuove. Si seccano e muoiono.

Il cipresso (foto inviata dal lettore)

Oltre all'enorme danno paesaggistico e ambientale, quello che era uno splendido monumento naturale (e andava conseguentemente protetto) è ora un 'palo' pronto a crollare, non appena marciranno le radici, su qualsiasi cosa abbia la sfortuna di trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato. Il cipresso arriva a pesare circa 1.200kg/m³ e parliamo di un albero di circa 25m.

Oltre a questo sono stati abbattuti più di cento alberi tra melie, pioppi e oleandri.

Vorrei quindi chiedere al Comune di Sinnai chi ha avuto l'idea di ordinare questi lavori, e poi chi li ha eseguiti, con quale criterio e attraverso quali processi di selezione questi lavori sono stati affidati".

A. L. - Solanas

***

Potete inviare le vostre lettere, segnalazioni e contenuti multimediali a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che esprimono opinioni, denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)
© Riproduzione riservata