CRONACA SARDEGNA - SASSARI E PROVINCIA

le accuse

Monni-Masala, la sorella di Cubeddu attacca: "Pressioni dei carabinieri sul supertestimone"

La sorella del giovane condannato all'ergastolo per il duplice omicidio pubblica l'audio con la presunta intercettazione di Alessandro Taras
alberto cubeddu (archivio l unione sarda)
Alberto Cubeddu (Archivio L'Unione Sarda)

Non si arrendono i parenti di Alberto Cubeddu, il 25enne di Ozieri condannato venerdì scorso all'ergastolo dalla Corte d'assise d'appello di Sassari per il duplice omicidio di Gianluca Monni, freddato a fucilate, e di Stefano Masala, ucciso la sera prima e fatto sparire nel nulla. La sua auto, secondo gli inquirenti, sarebbe servita per compiere l'omicidio di Monni.

La sorella Gabriella Cubeddu ha pubblicato sulla sua pagina Facebook l'audio di un'intercettazione telefonica in cui il supertestimone Alessandro Taras, principale accusatore del fratello, diceva di aver subito pressioni dai carabinieri per incastrare il giovane insieme al cugino Enrico Paolo Pinna, di Nule, minorenne all'epoca dei fatti, condannato a 20 anni in via definitiva.

"Il 18 settembre 2015 Alessandro Taras è stato sentito dai carabinieri a Nuoro. In quell'audizione aveva escluso qualsiasi responsabilità di Alberto in merito ai fatti per i quali mio fratello è stato condannato", scrive Gabriella Cubeddu.

"Il 29 ottobre 2015 i carabinieri riconvocano Taras in caserma a Ozieri per un colloquio segreto, mai verbalizzato. Cosa sia successo in occasione di quell'incontro segreto potete sentirlo dalle stesse parole di Taras", denuncia la donna, sottolineando che "qualche mese dopo quel colloquio, Taras stravolgerà la ricostruzione di quanto accaduto la sera tra l'8 e il 9 maggio 2015, accusando Alberto".

"Loro credono in pratica che Alberto non era in macchina con me, che era in un'altra macchina, e loro sospettano che sia la macchina di questo scomparso", dice tra le altre cose Alessandro Taras in quell'intercettazione. "Io gli ho detto naturalmente che era con me, perché era con me, e loro dicono che era in un'altra macchina - prosegue il testimone - mi hanno detto che mi indagano, mi hanno detto che mi iscrivono come indagato e che mi tolgono il porto d'armi e le armi".

(Unioneonline/D)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}