CRONACA SARDEGNA - SASSARI E PROVINCIA

l'ordinanza

Rogo a Porto Torres: le cisterne dei veleni al Centro intermodale

Quinto provvedimento dal giorno dell'incendio
fiamme in zona industriale (foto l unione sarda pala)
Fiamme in zona industriale (foto L'Unione Sarda - Pala)

Veleni e sostanze altamente inquinanti stoccati all'interno di 20 autobotti che da oltre due mesi sostano ancora in una strada pubblica dell'area industriale di Porto Torres.

Il sindaco Sean Wheeler ha deciso il loro immediato trasferimento con una nuova ordinanza, la quinta emessa dal giorno del devastante incendio scoppiato ai danni delle aziende In.Ver.Sol ed È Ambiente. Nelle autocisterne ci sono i residui del materiale liquido fuoriuscito dai capannoni industriali, in seguito alle operazioni di spegnimento del rogo del 27 luglio scorso che ha ridotto in cenere le strutture e contaminato le terre circostanti.

Circa 5.600 metri quadri andati in fumo insieme agli additivi per benzine e vernici della In.Ver.Sol e ai rifiuti speciali della È Ambiente. Sicurezza ed emergenza ambientale hanno spinto il sindaco ad emanare un nuovo provvedimento "per ordinare il trasferimento delle autobotti da via Domenico Millelire, la strada che costeggia i depositi incendiati, al piazzale del Centro intermodale regionale, situato sempre in area industriale, per lo stoccaggio dei rifiuti speciali pericolosi - spiega il primo cittadino - al fine di eliminare il prima possibile tali rifiuti, contenere i costi dell'emergenza e restituire alle ditte private i propri mezzi affinché possano riprendere correttamente la loro attività operativa".

Il trasloco diretto a restituire la strada alla viabilità, dovrà essere eseguito dalle ditte proprietarie dei mezzi entro 5 giorni dall'emanazione della ordinanza sindacale. Nei tempi tecnici necessari, È Ambiente dovrà provvedere alla caratterizzazione dei rifiuti liquidi contenuti nelle 20 autobotti, mentre alla In.Ver.Sol spetta la vigilanza continua delle cisterne durante tutta la loro permanenza presso il Centro Intermodale, con postazione fissa nelle ore notturne e un controllo orario diurno.

Un'area più sicura in attesa della caratterizzazione dei rifiuti prima del definitivo conferimento in un impianto autorizzato per lo smaltimento. Il provvedimento sindacale obbliga ulteriormente la In.Ver.Sol ad effettuare tutte le verifiche di eventuali perdite di rifiuti, registrate in un verbale giornaliero delle attività di sorveglianza, completo di documentazione fotografica da trasmettere al responsabile unico di procedimento.

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...