CRONACA SARDEGNA - ORISTANO E PROVINCIA

l'aggressione

Calci e testate ai carabinieri, 35enne di Terralba patteggia sei mesi di pena

Sarà invece processato per il reato più grave, sequestro di persona: l'uomo aveva rinchiuso la moglie in casa
il tribunale di oristano (archivio l unione sarda)
Il tribunale di Oristano (archivio L'Unione Sarda)

Ha patteggiato una pena di sei mesi il trentacinquenne di Terralba che dieci giorni fa aveva colpito con calci e testate i carabinieri dopo aver rinchiuso a chiave la moglie dentro casa. N. A. era finito in cella con le accuse di violenza contro pubblici ufficiali, lesioni e sequestro di persona.

Oggi, assistito dall'avvocato Angela Caratzu, l'uomo è comparso davanti al giudice per la prosecuzione del processo: ha patteggiato una pena di sei mesi per i reati di lesioni e violenza a pubblico ufficiale. Per il reato più grave di sequestro di persona, contestato dal pubblico ministero Armando Mammone, dovrà invece subire un altro processo e si andrà a dibattimento.

L'episodio risale a una decina di giorni fa. Era stata la moglie del trentacinquenne a chiedere aiuto ai carabinieri perché il marito l'aveva chiusa a chiave in casa. All'arrivo dei militari gli si era scagliato contro quindi era stato portato in caserma.

Qui aveva continuato a tirare calci e pugni e così erano scattate le manette. I carabinieri erano stati costretti a ricorrere anche alle cure del pronto soccorso, a uno era stata data una prognosi di trenta giorni per una contusione alla mano, agli altri dieci giorni di cure per varie escoriazioni sul viso e a un braccio.

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}