CRONACA SARDEGNA - NUORO E PROVINCIA

prato sardo

Cavalcavia danneggiato a Nuoro, eseguito il collaudo

Nelle prossime ore riaprirà il traffico in entrata
il collaudo (foto ufficio stampa comune di nuoro)
Il collaudo (foto ufficio stampa Comune di Nuoro)

A seguito della sollecitazione inviata ieri dal sindaco di Nuoro Andrea Soddu, stamattina alla presenza del primo cittadino e dell'assessore ai Lavori pubblici Giovanni Dettori si è svolto il collaudo per verificare la staticità del cavalcavia di Prato Sardo lesionato nei giorni scorsi a causa di un incidente.

I tecnici e gli operatori dell'Anas hanno effettuato le prove di carico facendo transitare e sostare due camion zavorrati del peso complessivo di 44 tonnellate, per simulare la peggiore delle ipotesi possibili in caso di riapertura della strada, ossia un incolonnamento con mezzi pesanti.

Al di sotto del ponte sono stati posizionati dei sensori che hanno misurato la capacità di sopportazione al peso dei pilastri non danneggiati. Al termine della verifica i tecnici hanno stabilito che la strada è sicura e può essere riaperta in un senso di marcia.

Dopo il parere favorevole arrivato ieri da parte del comando dei vigili del fuoco e non appena l'Anas sistemerà le nuove indicazioni segnaletiche, la strada verrà riaperta al traffico in una sola corsia di marcia, probabilmente già nella mattinata di domani.

La corsia sarà destinata al traffico in entrata a Nuoro, mentre per l'uscita dal capoluogo in direzione 131 si dovrà continuare a percorrere lo svincolo per Prato Sardo. Poiché il sottopassaggio non è stato riaperto al transito, per il momento i mezzi in entrata con destinazione zona industriale dovranno arrivare fino alla rotatoria di via Mannironi e ripercorrere la strada in senso opposto.

"Come mi hanno spiegato gli stessi responsabili dell'Anas - afferma il sindaco Soddu - per un intervento come quello di oggi di norma occorrerebbe attendere delle settimane, invece siamo riusciti a ottenerlo immediatamente. Ringrazio per la sollecitudine i vigili del fuoco e Anas. Ora si dovranno fare delle ulteriori verifiche per capire l'entità dei lavori necessari per ripristinare la normale circolazione, sia in entrata che in uscita".

(Unioneonline/F)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}