CRONACA SARDEGNA - CAGLIARI

trasporti

Cagliari, sbarca Volotea
Nuove rotte estive e più voli

La Compagnia inaugura la nuova base a Elmas e promette più collegamenti per i sardi

Fino all'altro giorno Air Italy preannunciava l'addio a Olbia, con conseguente trasloco forzato a Malpensa dei 600 dipendenti sardi del vettore gallurese, e già da tempo le rotte della ex Meridiana su Cagliari per Roma Fiumicino e Milano Linate sono solo un lontano ricordo.

Ci sono stati momenti in cui i sardi potevano viaggiare da Elmas per le rotte della continuità territoriale sia con Alitalia che con l'allora Meridiana, e questo la nuova Europa, quella uscita dal voto del 26 maggio scorso, lo dovrà tenere in debita considerazione per garantire un collegamento efficace della Sardegna con la Penisola, anche nei periodi di massimo afflusso, quando non si trova un volo disponibile per interi week end o per giornate critiche in corrispondenza di ricorrenze o ponti festivi.

Oggi, anche grazie all'impegno della Giunta Solinas, il problema dello scalo Costa Smeralda è stato risolto e tutti potranno lavorare in armonia, compresa Air Italy che sarà la compagnia fulcro della CT1 su Olbia.

Chi invece arriva per aprire, addirittura, una nuova base è Volotea, una notizia annunciata già dall'anno scorso e che ha trovato puntuale attuazione: fine maggio doveva essere e fine mese è stato, anzi con un giorno d'anticipo.

Il fondatore di Volotea è Carlos Muñoz, l'ideatore di Vueling, altra compagnia spagnola che ha fatto della puntualità il suo punto di forza, e oggi al timone di una realtà internazionale di straordinario dinamismo ed in continua espansione.

Presenti al volo inaugurale il numero uno di Volotea, arrivato a Cagliari per condividere un momento importante per la compagnia, i vertici di Sogaer al completo con in testa il Presidente Gabor Pinna e l'Amministratore Delegato Alberto Scanu, il Presidente della Camera di Commercio Maurizio De Pascale e gli assessori regionali dei trasporti, del turismo e dell'urbanistica Giorgio Todde, Gianni Chessa e Quirico Sanna.

Oggi decolla, quindi, la quinta base italiana di Volotea, dopo Genova, Palermo, Venezia e Verona, mentre altre otto sono già operative a Nantes, Bordeaux, Strasburgo, Asturie, Tolosa, Bilbao, Marsiglia e Atene.

I numeri dicono molto sull'impegno di Volotea a Cagliari: sono 2800 i voli in programma per il 2019, con un incremento del 44% rispetto allo scorso anno, un totale di 414.000 posti disponibili per sardi e turisti, due Airbus A319 stanziati che opereranno su 15 rotte, 7 mete all'estero e 8 destinazioni nazionali, dieci delle quali in esclusiva.

Da Cagliari si potrà volare su Ancona, Genova, Napoli, Palermo, Pescara, Torino, Venezia e Verona in Italia e all'estero sarà possibile raggiungere Bordeaux, Lione, Marsiglia, Nantes, Praga, Strasburgo e Tolosa.

"Siamo felici di inaugurare la nostra quinta base italiana a Cagliari, una città che gioca un ruolo strategico nei nostri piani di sviluppo a livello internazionale - ha dichiarato Muñoz - Grazie all'apertura della base rafforzeremo ulteriormente la connettività del Sud Sardegna: dopo l'annuncio delle 5 nuove rotte per l'estate 2019, stiamo lavorando per offrire ai viaggiatori sardi la possibilità di volare ancora più facilmente durante tutto l'anno. Si concretizzeranno circa 50 nuove posizioni lavorative tra piloti e personale di bordo e, a supporto dell'economia locale, non vanno dimenticate le ricadute economiche generate dai nuovi flussi turistici che transiteranno dall'aeroporto. Vorremmo quindi ringraziare - continua il fondatore del vettore spagnolo - tutte le autorità locali che ci hanno accompagnato in questo percorso di costante crescita insieme al management dell'aeroporto cagliaritano. Naturalmente - ha chiuso Muñoz - il ringraziamento più grande va ai 750.000 passeggeri che hanno scelto di volare con la nostra flotta da e per Cagliari".

Felicità condivisa dal Presidente della Camera di Commercio Maurizio De Pascale: "Quando una compagnia aerea decide di basare aerei ed equipaggi in un aeroporto, è chiaro che quest'ultimo esprime un interessante potenziale di crescita del traffico. L'aeroporto di Cagliari ha dimostrato anno dopo anno di avere questa qualità e oggi festeggiamo l'avvio della base di Volotea con la consapevolezza che rappresenta un importante valore aggiunto per il territorio e per tutto il tessuto socio-economico del Sud Sardegna". E aggiunge: "Ringrazio Sogaer e Volotea per questo grande risultato. Abbiamo tutti gli strumenti per lavorare molto bene, per puntare ad un'offerta di primissimo livello sia sul mercato interno che su quelli esteri; è ora necessario - ha concluso De Pascale - che tutti gli attori economici e istituzionali del territorio siano consapevoli di questo e collaborino per rendere la nostra Isola una destinazione sempre più conosciuta e ambita".

"Oggi raccogliamo i frutti di una partnership nata nel 2012 che fin dalle prime settimane di operatività di Volotea ha portato a importanti risultati in termini di traffico e passeggeri trasportati - ha dichiarato il Presidente di Sogaer Gabor Pinna - Negli anni abbiamo consolidato i rapporti con Volotea collaborando in maniera molto mirata e ragionata per offrire un ventaglio di destinazioni che potesse soddisfare al meglio le esigenze del mercato".

Ipotizza un futuro roseo l'Amministratore Delegato di Sogaer Alberto Scanu: "Mi fa piacere pensare che questa cerimonia non rappresenti un punto di arrivo ma sia il punto di partenza di un lungo percorso di fruttuosa collaborazione tra Sogaer e Volotea. Avere due Airbus A319 basati sul 'Mario Mameli' rappresenta un'opportunità eccezionale per l'aeroporto e per tutto il suo bacino d'utenza, e non solo perchè la nuova base consente la creazione di nuovi posti di lavoro diretti e dell'indotto, ma anche perchè ci consente di pianificare nel migliore dei modi l'operatività dei voli e di studiare assieme a Volotea il network dei prossimi anni. Avere la base significa, inoltre, che avremo due aeromobili stabilmente operativi da Cagliari anche nei mesi invernali, in un periodo in cui tradizionalmente l'offerta si comprime rispetto all'estate. Potremo quindi offrire un network più ampio durante la winter season e dare un contributo sostanziale agli sforzi per la destagionalizzazione dei flussi turistici.

L.P.

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...