Guerra ad Assad. L'esercito Usa ha lanciato 59 missili Tomahawk da due cacciatorpedinieri della marina degli Stati Uniti contro la base aerea siriana di Shayrat, vicino a Homs.

Un attacco che fa seguito al raid attuato nei giorni scorsi con armi chimiche nella provincia di Idlib e che l'amministrazione di Washington ha attribuito all'esercito di Bashar al-Assad.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che ha annunciato di aver ordinato mirati attacchi missilistici in un aeroporto militare siriano, li ha definiti "interesse vitale" per la nazione.

Il lancio dei missili Tomahawk

LE REAZIONI DEI LEADER DEL MONDO:

IL DISCORSO ALLA NAZIONE - Trump ha ai giornalisti dal suo resort di Mar-a-Lago in Florida, dove stava ricevendo il presidente cinese Xi Jinping. "Martedì scorso il dittatore siriano Bashar al-Assad ha lanciato un orribile attacco con armi chimiche contro civili innocenti. Ha soffocato la vita di uomini, donne e bambini inermi, è stata una morte lenta e brutale per tanti, anche bellissimi bambini sono stati crudelmente assassinati - ha detto il presidente - e nessun bambino dovrebbe mai subira tale orrore". "Questa sera - ha continuato - ho ordinato un attacco militare mirato contro una base aerea in Siria, da dove è stato lanciato l'attacco chimico. È di vitale interesse per la nostra sicurezza nazionale prevenire e scoraggiare la diffusione e l'uso di armi chimiche letali". "Anni di tentativi per cambiare Assad - è la chiosa - sono falliti drammaticamente". Poi l'appello: "Invito tutte le nazioni civili a unirsi a noi nel tentativo di porre fine al massacro in Siria e al terrorismo".

La base Shayrat a Homs

LE VITTIME, 15 MORTI DI CUI 9 CIVILI - Cinque persone sarebbero rimaste uccise, altre 7 ferite nell'attacco americano. A dichiararlo è stato il governatore di Homs, Talal Barazi, anche se i media siriani nelle ore successive al lancio dei missili Usa hanno parlato di 15 morti, di cui 9 sarebbero civili.

Inoltre, i missili di Trump hanno provocato pesanti danni materiali. "Le unità di vigili del fuoco e unità di difesa civile hanno lavorato due ore per porre sotto controllo l'incendio ed evacuare i feriti e coloro che sono stati martirizzati all'aeroporto", ha aggiunto Barazi.

Nell'attacco sarebbero rimasti uccisi anche miliziani di Hezbollah e militari iraniani, hanno rivelato fonti dell'opposizione siriana. La base di Shayrat, messa definitivamente fuori uso dai radi americani, sarebbe sotto il controllo totale dell'Iran, che da ottobre 2015 la considera strategica per la gestione delle operazioni in Siria.

IL "CONSIGLIO" DI HILLARY PRIMA DELL'ATTACCO - VIDEO:

"SOLO 23 MISSILI A BERSAGLIO" - Intanto, per il ministero della Difesa russo, il raid aereo Usa in Siria è stato inefficace: "Secondo strumenti di monitoraggio russi, solo 23 missili hanno raggiunto la base aerea siriana. Non è chiaro dove siano caduti gli altri 36 missili".

NAVE DA GUERRA RUSSA IN ARRIVO - Secondo quanto riportano alcuni media Usa, una nave da guerra russa della flotta dislocata nel Mar Nero avrebbe fatto il suo ingresso nel Mediterraneo per dirigersi verso i due cacciatorpedinieri responsabili dell'attacco sulla Siria di questa notte e dovrebbe sostare nelle acque siriane almeno un mese.
© Riproduzione riservata