Il giorno del 88esimo compleanno di Luigi Porcu non è stato uno qualsiasi.

È stato il giorno in cui si è lanciato per la prima volta con il parapendio.

Un modo, per festeggiare gli anni, che colpisce per il coraggio di questo anziano signore di Ghilarza, che nella vita ha fatto tutt'altro, il meccanico.

"Ma è stato sempre un po' scalmanato", racconta il figlio.

È stata sua l'idea, spiega Marino Porcu a Unionesarda.it.

"Tra le mie più grandi passioni c'è quella di fare l'istruttore di parapendio. Ho pensato: ho fatto volare bambini e persone di una certa età. Perché non posso far fare questa esperienza a mio padre?".

E così gliel'ha chiesto, qualche giorno prima del suo 88esimo compleanno, curioso di conoscere quale risposta gli avrebbe dato il padre: un bel sì, e senza esitazione.

I preparativi (foto Facebook Marino Porcu)

Forse Marino, tutto sommato, se lo aspettava: "Queste cose un po' 'estreme' gli sono sempre piaciute, e spesso mi ha detto che avrebbe voluto provarci".

"Da quel sì - racconta - sono cominciati tutti i preparativi. Mio padre ha tutti gli acciacchi della sua età, in particolare problemi di deambulazione, e quindi ho dovuto farmi aiutare per sistemare le cose in sicurezza".

L'8 settembre Luigi era pronto al sito di volo Littigheddu, frazione di Sedini che si affaccia sulla Roccia dell'Elefante.

Il volo (foto Facebook Marino Porcu)

"L'ho imbracato in tandem, naturalmente c'ero io con lui, e siamo partiti. Un volo da 15-20 minuti, durante il quale siamo saliti intorno ai 400 metri".

Suo padre era spaventato? "Assolutamente no - sorride Marino - anzi uno dei passeggeri più tranquilli che abbia mai avuto. Soffre di problemi di vista e si è accorto che stavamo salendo perché ha sentito il freddo dell'atmosfera. Mi chiedeva: 'Stiamo andando sempre più in alto, vero?'".

Una volta a terra, tra gli applausi dei tanti parenti, amici e curiosi che affollavano il sito, sono iniziati i festeggiamenti "classici", con i nipotini e la tradizionale torta.

Pensa che lo rifarà? "Non lo so ma, conoscendolo, credo di sì".

Angelica D'Errico

(Unioneonline)

IL VIDEO:

© Riproduzione riservata