Prende avvio il nuovo evento culturale “Anderas”, che sancisce un legame sempre più forte tra i due Comuni di San Gavino Monreale e Selargius, uniti da una figura di pregio, il poeta Faustino Onnis di origini sangavinesi che poi si trasferì nel paese selargino.
Il progetto culturale, promosso dalla fondazione intitolata a Faustino Onnis, è compartecipato dai due Comuni, numerose associazioni culturali, enti scolastici e biblioteche del territorio di Selargius e San Gavino Monreale e ha ricevuto il finanziamento dell’assessorato alla Cultura della Regione.

Nel centro del Medio Campidano ci saranno dal 16 al 18 novembre tre giorni ricchi di appuntamenti culturali. Mercoledì 16 si inizia alle 10.30 con il laboratorio di animazione alla lettura al liceo Marconi Lussu curato dall’associazione Curatoria Monreale, alle 17.30 negli spazi del Civis in via Roma 102 ci sarà  la presentazione del nuovo lavoro di Vindice Lecis “All'ombra del Sant'Uffizio”, a seguire alle 19  la proiezione del docu-film “Grazia Deledda vista da vicino” di Marco Gallus.

Gli organizzatori del festival \"Anderas\" dedicato al poeta Faustino Onnis (foto Pittau)
Gli organizzatori del festival \"Anderas\" dedicato al poeta Faustino Onnis (foto Pittau)
Gli organizzatori del festival "Anderas" dedicato al poeta Faustino Onnis (foto Pittau)

Il 17 novembre alle 9.30 si prosegue con “Mamma Lingua”, il laboratorio multiculturale sulla lingua madre nei locali della Biblioteca Faustino Onnis. La sera alle 17.30 nella casa-museo “Dona Maxima” sarà presentato il libro del sacerdote villacidrese Don Angelo Pittau “All'urlo camminai”. “Il 18, infine - rimarca l’assessora alla Cultura Silvia Mamusa -, si chiuderà il progetto con la presentazione alle 17.30 nella biblioteca comunale del libro ‘1984. Milli e novichentos ottantabattor’, trasposizione in sardo del libro di George Orwell a cura di Gonario Franciscu Sedda. Sarà presente come relatore Lorenzo Argiolas dell’associazione 'Curatoria Monreale’. Siamo felici di poter proseguire l'importante collaborazione con il Comune di Selargius che adottò Faustino Onnis, nativo di San Gavino Monreale”.

L'assessora alla Cultura di San Gavino Monreale, Silvia Mamusa (foto Pittau)
L'assessora alla Cultura di San Gavino Monreale, Silvia Mamusa (foto Pittau)
L'assessora alla Cultura di San Gavino Monreale, Silvia Mamusa (foto Pittau)

Nel progetto sono coinvolti anche l’assessorato alla Lingua sarda, il liceo Marconi-Lussu, il sistema bibliotecario Monte Linas, le associazioni “Curatoria Monreale” e “Sa Moba Sarda”. Tutti gli eventi sono gratuiti e aperti a tutta la comunità.

© Riproduzione riservata