Diversi arresti sono stati compiuti in questi giorni dalla Squadra mobile di Cagliari, con il supporto dei Falchi, e in collaborazione con i reparti Mobile e cinofili, in particolare nell'area della Marina, dove si concentra la "movida" della città.

A finire in manette, per detenzione e spaccio di droga, sono stati: Seedy Conteh, originario del Gambia, 22 anni, senza fissa dimora, già noto alle forze dell'ordine; Manneh Ebrima, suo connazionale di 18 anni, e il romeno 24enne Ionut Rosu, residente a Cagliari ma di fatto senza fissa dimora.

La Questura ha organizzato una serie di osservazioni con riprese video al fine di immortalare i momenti dello spaccio, alle quali hanno partecipato non solo gli agenti della Squadra mobile, ma anche la Volante e il Reparto prevenzione crimine.

Durante le attività, sono stati ripresi, in piazza Sant'Eulalia, i tre arrestati mentre venivano avvicinati, nella zona della gradinata, da alcuni giovani di passaggio, e ogni volta che avveniva la cessione di sostanze, poi andavano verso una palma e prelevavano qualcosa.

I poliziotti sono quindi intervenuti e hanno bloccato i tre giovani, accerchiandoli; in seguito alle perquisizioni personali e del nascondiglio, sono stati ritrovati circa 50 grammi tra hashish e marijuana.

I vari momenti dello spaccio e del \"rifornimento\"
I vari momenti dello spaccio e del \"rifornimento\"
I vari momenti dello spaccio e del "rifornimento"

Inoltre, sempre nel corso della vasta operazione, all'aeroporto di Elmas è finito nelle maglie dei controlli un nigeriano arrivato da Roma: Anthony Okofor, 19enne residente a Jerzu, è stato arrestato con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di eroina.

Sceso dal volo, il giovane è stato individuato: aveva uno strano atteggiamento perché teneva lo sguardo rivolto verso il basso ma non mancava di tenere d'occhio gli agenti, rimanendo comunque a distanza.

Sottoposto a perquisizione, estesa anche al suo trolley, non è emerso nulla di rilevante. Ma il 19enne ha iniziato a tremare e a mostrare una insolita sudorazione.

A quel punto, gli esami sono proseguiti al Santissima Trinità: la Tac alla regione addominale e toracica ha evidenziato la presenza di ovuli, quindi il nigeriano è stato portato al carcere di Uta.

In totale aveva in corpo 50 ovuli con all'interno 750 grammi circa di eroina, destinata al mercato del centro di Cagliari.

Gli ovuli sequestrati
Gli ovuli sequestrati
Gli ovuli sequestrati

Ovuli
Ovuli
Ovuli

(Redazione Online/s.s.-m.v.)

CONTROLLI NELL'ORISTANESE:

UN ARRESTO A SESTU:

© Riproduzione riservata