CRONACA SARDEGNA - SULCIS IGLESIENTE

portopaglietto

Lancia in acqua il gazebo della Polizia Locale: "Chiedo scusa ma sono disperato"

E' stato il titolare di un locale a commettere il gesto: "Per le restrizioni sul Covid ho subito un forte calo degli incassi, sono esasperato"

"Chiedo scusa a tutti per il grave gesto che ho fatto, sono esasperato dalle difficoltà economiche di questo periodo di restrizioni. Fornirò un altro gazebo".

Ignazio Meloni, titolare del Cocolocos di Portopaglietto, mercoledì pomeriggio ha lanciato in acqua il gazebo della Polizia Locale, rendendolo inutilizzabile.

"Da qualche giorno, con le restrizioni sul Covid, c'è stato un forte calo degli incassi - dice Ignazio Meloni -. Difficoltà economiche che mi hanno fatto temere per la mia attività e i miei otto dipendenti. Mi rendo conto di aver compiuto un gesto grave, chiedo scusa a tutti".

Un gesto cui è seguita l'apertura di un'indagine da parte del corpo della Polizia Locale.

"Non ci saremmo mai aspettati niente del genere, è un episodio di una gravità inaudita - dice Pierluigi Anedda, comandante della Polizia Locale di Portoscuso - stiamo raccogliendo tutti gli elementi per l'indagine, poi procederemo perché venga perseguito questo atto così grave. Il presidio fisso in spiaggia continua, a giorni arriverà il nuovo gazebo. Noi siamo lì anche oggi, a fare il nostro dovere".

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}