CRONACA SARDEGNA - SASSARI E PROVINCIA

la denuncia dei sindacati

"Mancano le mascherine", la protesta dei bancari a Sassari

"Costretti a lavorare agli sportelli senza dispositivi di protezione"
immagine simbolo (archivio l unione sarda)
Immagine simbolo (Archivio L'Unione Sarda)

"Negli uffici bancari costretti a lavorare senza mascherine e guanti". Lo denunciano i vertici territoriali e provinciali delle sigle sindacali di categoria: Maria Antonietta Soggiu della Fabi, Ettore Erriquez della First Cisl, Marcello Simula della Fisac Cgil, Giovanni Dettori della Uilca e Giuseppe Raimondo Pisanu dell'Unisin.

"A fronte della chiusura parziale degli sportelli, a rilento e in ordine sparso i lavoratori indossano mascherine e guanti di materiale e in numero insufficienti e che in buona parte loro stessi hanno dovuto procurare", dicono i referenti del mondo bancario sassarese.

"Ancora oggi - spiegano - negli uffici centrali interni delle banche i lavoratori condividono ambienti di lavoro e dotazioni tecnologiche senza misure minime di protezione quali appunto mascherine e guanti".

"Questa situazione surreale si registra in particolare nel gruppo Bper e nel Banco di Sardegna, che impegnano a pieno regime centinaia di dipendenti", denunciano le sigle.

"In una situazione di pandemia in cui il contagio avviene anche tramite i cosiddetti asintomatici - insistono - tutti devono indossare la mascherina, esattamente come recita l'ordinanza del sindaco e nonostante le confuse precisazioni delle banche".

Per i sindacati dei bancari del sassarese "è poco comprensibile che proprio chi vanta un legame forte col territorio non abbia assicurato al personale le mascherine che vediamo indossare a tutti i lavoratori che assicurano servizi essenziali".

(Unioneonline/F)

© Riproduzione riservata

COMMENTI

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...