CRONACA SARDEGNA - ORISTANO E PROVINCIA

sui social

Mogoro, la bufala su un caso di positività al Covid scatena il panico

Un falso screenshot dal Televideo: ci è voluto l'intervento del sindaco per smentire, dopo ore di panico nella cittadina

L'ultima e inqualificabile "fake news" su un presunto caso di Coronavirus in paese ha creato panico e psicosi per alcune ore nella cittadina di Mogoro.

Qualcuno si è divertito, probabilmente con un applicazione nel proprio cellulare, a creare una notizia falsa con la schermata del Televideo, annunciando il caso di un mogorese di 34 anni risultato positivo al Covid-19 e ricoverato dal personale del 118 all'ospedale San Martino di Oristano.

E poi la notizia falsa è stata fatta girare sui cellulari di decine di residenti, ma anche di cittadini di tanti paesi del territorio.

Tutto falso. Lo ha comunicato anche il sindaco Sandro Broccia con un messaggio inviato subito a tutta la popolazione tramite i canali social: "La notizia di un eventuale contagio nel comune di Mogoro è destituita di ogni fondamento. Non è vera. È falsa. Oltre alle verifiche con la protezione Civile, i carabinieri, gli ospedali, ho ricevuto la telefonata di chi ha creato la bufala". Il primo cittadino ha aggiunto: "Un comportamento riprovevole, non si può scherzare su queste cose in un momento d'emergenza come questo".

Poi la chiosa: "A Mogoro non esiste nessuna persona contagiata. Questo è anche conseguenza del comportamento di tutti i cittadini, che stanno attenendosi alle disposizioni dei governi nazionale e regionale. Continuiamo così. Restiamo a casa. Usciamo solo per necessità: per fare la spesa (una persona per nucleo familiare e non necessariamente tutti i giorni), per motivi di salute. Da domani la Giunta sarà impegnata ad attivare gli aiuti economici per le persone che ne hanno bisogno. Sarete puntualmente informati".

***

Deplorevole azione. Ci aspettiamo che l'autore chieda pubblicamente scusa mettendoci la faccia (ndr)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}