CRONACA SARDEGNA - ORISTANO E PROVINCIA

in aula

Omicidio Brigitte: il marito potrebbe uccidere ancora?

Giovanni Perria è in carcere con l'accusa di aver ucciso la moglie, il cui corpo è stato ritrovato in mare a Su Pallosu
la casa della vittima (archivio l unione sarda) e nei riquadri brigitte pazdernik e giovanni perria (foto l unione sarda pinna)
La casa della vittima (Archivio L'Unione Sarda) e, nei riquadri, Brigitte Pazdernik e Giovanni Perria (foto L'Unione Sarda - Pinna)

I giudici di Cagliari decideranno nei prossimi giorni se concedere gli arresti domiciliari a Giovanni Perria, il pensionato di Narbolia accusato di aver ucciso la moglie Brigitte Pazdernik. La richiesta di una misura cautelare alternativa al carcere era già stata presentata diverse volte ma finora era sempre stata respinta.

Il difensore di Perria, l’avvocato Antonello Spada, aveva fatto ricorso in Appello contro il parere contrario del Gip del Tribunale di Oristano sulla richiesta di domiciliari. La giudice Silvia Palmas ritiene Perria pericoloso perché potrebbe ripetere il reato per cui è indagato e inquinare le prove: "Dalla nota della Questura di Oristano del 6 giugno scorso emerge che in più occasioni Perria ha espresso direttamente o ha aderito alle considerazioni del compagno di cella sulla necessità di far cambiare versione alla testimone che lo aveva visto uscire di casa", si legge nel provvedimento.

Oggi davanti al collegio dei giudici d’Appello, il legale Spada ha cercato di smontare la tesi del gip sostenendo che i dialoghi captati in carcere erano considerazioni del compagno di cella che suggeriva a Perria le strategie da seguire su come mettere a tacere o far cambiare versione alla testimone oculare.

"Perria non ha mai fatto quelle considerazioni, annuiva e basta davanti alle frasi del compagno di cella", sostiene il legale che ha insistito anche sulle condizioni fisiche precarie del pensionato. "Oggi non è potuto nemmeno venire a Cagliari perché è fortemente debilitato, da quando è in carcere ha perso circa 20 chili e mi chiedo come potrebbe inquinare le prove o commettere reati di quel tipo".

Perria era finito in carcere il 24 gennaio, dopo lunghi mesi di indagine. La moglie Brigitte Pazdernik era scomparsa la sera del 10 ottobre 2018, quattro giorni dopo il suo corpo senza vita era stato ritrovato in mare a Su Pallosu.

Perria ha sempre sostenuto di essere estraneo alla vicenda ma secondo gli inquirenti sono tanti gli elementi a suo carico. Il delitto sarebbe maturato dopo l’ennesima lite in famiglia, l’uomo era ossessionato dalla gelosia per un vecchio tradimento della moglie.

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...