CRONACA SARDEGNA - NUORO E PROVINCIA

i rovesci

Strade chiuse e case evacuate in Baronia

Le piogge si attenuano ma l'allarme è alto
il rio sologo a galtell (foto carcone)
Il rio Sologo a Galtellì (foto Carcone)

Disagi e preoccupazione in tutta la Valle del Cedrino per gli effetti dell'intensa perturbazione che sta interessando l'Isola da due giorni. Strade chiuse e case evacuate da Oliena alla Bassa Baronìa: per ora la situazione è contenuta e verso un leggero miglioramento a causa dell'attenuarsi delle piogge a monte.

I rovesci hanno reso necessario un progressivo aumento della portata di sversamento della diga di Pedra 'e Othoni a oltre 200 metri cubi al secondo, il Cedrino ha iniziato ad esondare, nell'area intorno a Galtellì, a causa dell'apporto d'acqua del rio Sologo.

A Oliena sono state chiuse la SS 46 e SP 129 ed è stata predisposta l'evacuazione di alcune abitazioni in prossimità del Cedrino. In giornata il sindaco di Galtellì Giovanni Santo Porcu ha predisposto lo sfollamento in via precauzionale dei cittadini residenti nella parte bassa del paese, per i quali è stata messa a disposizione la sala riscaldata dell'anfiteatro.

Aziende agricole e abitazioni in prossimità dei corsi d'acqua sono state evacuate anche a Onifai e Irgoli. Gli intensi rovesci hanno aumentato la portata del fiume Cedrino alla foce - aperta da ieri sera - e il letto del fiume a Orosei ha raggiunto livelli preoccupanti. Dopo le alluvioni del 2008 e del 2013, qui è stata messa in atto un'opera di rafforzamento e ricostruzione dell'argine destro del fiume in prossimità del ponte e di pulizia dei canali colatori. Il sindaco Nino Canzano ha invitato la popolazione ad uscire di casa esclusivamente per comprovate necessità e interdetto il traffico sulla S.S. 129 in direzione Galtellì.

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}