CRONACA SARDEGNA - MEDIO CAMPIDANO

il caso

Villacidro, un'interrogazione alza la febbre all'ippodromo

L'ippodromo è gestito direttamente dal comune, caso più unico che raro, e l'opposizione chiede chiarimenti sulle assunzioni
(foto cazzaniga)
(Foto Cazzaniga)

Non solo cavalli e sommesse. Ad attirare l'attenzione sulle gare dell'ippodromo, dove oggi si è disputata la terza giornata di corse, sono le nuove richieste di chiarezza giunte dalle minoranze. Il consigliere Giancarlo Carboni, capogruppo di "Assemblea Permanente", ha presentato un'interrogazione con risposta urgente dove chiede delucidazioni all'amministrazione "sull'individuazione di terminalisti e assistente alla segreteria per le giornate di corsa".

Di cosa si tratta? La conduzione dell'ippodromo di Villacidro, da quando è in carica l'attuale amministrazione, non è affidata a un soggetto specializzato che opera nel settore e che garantisce i servizi necessari allo svolgimento delle gare, bensì - unico caso in Italia - è gestita direttamente dal comune, che per il regolare svolgimento delle gare deve provvedere ad assegnare una serie di incarichi lavorativi per svolgere i servizi previsti.

"L'avviso relativo alla ricerca dei terminalisti e dell'assistente alla segreteria", evidenzia Carboni nella sua interrogazione, "era datato 28 ottobre e prevedeva come termine per la presentazione delle manifestazioni di interesse il 4 novembre, ma l'apertura dei plichi è stata anticipata al 30 ottobre, come riportato in una apposita determinazione che invocava 'necessità di urgenza'".

Nell'interrogazione, si chiede conto anche della scarsa pubblicità riservata alla ricerca dei collaboratori: "Da una ricerca effettuata in rete, non è possibile recuperare l'avviso di gara nell'albo pretorio del comune di Villacidro, dove ai termini di legge, dovrebbe essere pubblicato". L'avviso, recita l'interrogazione, è reperibile solo in un comunicato sulla pagina Facebook del gruppo di maggioranza "Alternativa Civica", pubblicato peraltro dopo l'uscita di articoli di stampa che ponevano interrogativi sulle assegnazione degli incarichi

Carboni pone inoltre domande su altri aspetti, come la scelta di individuare gli operatori tramite "asta al ribasso della prestazione lavorativa" e chiede esplicitamente: "cosa sarebbe avvenuto se fossero pervenute offerte pari a € 0,00 a giornata ad operatore economico, visto che non era fissato un limite minimo?" Le gare dei cavalli sono arrivate alla terza giornata delle 9 previste (le prossime il 25 novembre e il 2, 9, 16, 23 e 30 dicembre), ma è probabile che dell'ippodromo si parlerà ulteriormente. Anche a cavalli fermi.

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...