SERVIZI ALLE IMPRESE - BANDI

dalla Regione

Imprese vitivinicole sarde, contributi per nuovi investimenti

Per ogni progetto è fissato un tetto massimo di spese ammissibili pari a 400mila euro
immagine simbolo (archivio l unione sarda)
Immagine simbolo (Archivio L'Unione Sarda)

Al via i contributi per le aziende sarde del settore vitivinicolo.

Il Programma nazionale di sostegno del comparto prevede l’erogazione di un aiuto per la realizzazione di investimenti materiali e/o immateriali in impianti di trasformazione, in infrastrutture vinicole e nella commercializzazione del vino e riguardanti la produzione e/o la commercializzazione dei prodotti vitivinicoli. Possono presentare domanda le imprese singole o associate specializzate nella produzione di mosto di uve o di vino.

Sono ammessi tutti gli investimenti materiali e/o immateriali in impianti di trattamento, in infrastrutture vinicole e nella commercializzazione del vino diretti a migliorare il rendimento globale dell’impresa e riguardanti la produzione e la commercializzazione dei prodotti.

Per ogni progetto è fissato un tetto massimo di spese ammissibili pari a 400mila euro.

Per la realizzazione degli interventi finanziabili, l’intensità degli aiuti, nella forma di contributo a fondo perduto è fissata per le microimprese, piccole e medie imprese nella percentuale del 40% della spesa riconosciuta ammissibile, mentre per le aziende medie o grandi l’intensità dell’aiuto è pari rispettivamente al 20% e al 19%.

I dettagli sulla pagina dedicata al provvedimento sul sito della Regione Sardegna.

C'è tempo fino al 15 novembre per presentare domanda.

(Unioneonline/F)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...