CULTURA

Celebrazioni

L'Università di Cagliari festeggia 400 anni di storia, con un ricco programma di appuntamenti

Il via con la mostra sulla storia dell'Ateneo allestita al piano terra di Palazzo Belgrano
l universit di cagliari (archivio l unione sarda)
L'Università di Cagliari (archivio L'Unione Sarda)

Quattrocento anni di storia per l'Università di Cagliari. Un lungo percorso iniziato nel 1620 in epoca spagnola che ha attraversato crisi, guerre e ora anche la pandemia. E che continua a essere battuto da migliaia di studenti.

A celebrarlo un ricco calendario di eventi, aperto oggi dall'inaugurazione della mostra interattiva "400. Una Storia UniCa", allestita al piano terra di Palazzo Belgrano.

"È una festa della cultura, non soltanto dell'ateneo, ma di tutta città e della regione - spiega il rettore Maria Del Zompo - Dobbiamo essere orgogliosi di avere nella nostra città una tradizione culturale così antica che testimonia il desiderio e la determinazione con i quali la gente di questa terra ha sempre voluto portare avanti la propria crescita come popolo contando sulla cultura, fidandosi di essa e scommettendo su di essa".

Giovedì 15 ottobre è in programma la presentazione del volume "L'Università di Cagliari e i suoi rettori", curato da un team di docenti di Scienze storiche e Scienze archivistiche dell'Ateneo.

Il 13 novembre si terrà nell'Aula Magna del Rettorato la cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico 2020/21, il 400esimo dal privilegio regio di Fondazione: la prolusione sarà affidata al professor Alberto Mantovani, il primo italiano a vincere (nel 2019) il prestigioso Premio Pezcoller per le sue ricerche sui tumori.

"È un grande onore per me come rettore - commenta Del Zompo - E per tutto il corpo accademico, per il personale, per i nostri ricercatori e i nostri studenti è motivo di orgoglio essere chiamati quest'anno a festeggiare una ricorrenza così importante, pur in una condizione così particolare determinata dal coronavirus. Non a caso parliamo di festa: in questo periodo non è facile né pensare né fare una festa. Eppure anche in questo senso l'ateneo vuol dare una mano alla città e alla regione per proiettarsi nel futuro che sarà senz'altro senza Covid. Con un po' di pazienza e di attenzione ne usciremo".

(Unioneonline/v.l.)

***

IL VIDEO DI FRANCESCA FIGUS:

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}