CULTURA

Cagliari

Giorno della Memoria, al liceo Pacinotti l'incontro con la scrittrice Lia Levi

Un confronto con chi ha conosciuto l'orrore delle leggi razziali e della deportazione
il liceo pacinotti di cagliari (archivio l unione sarda)
Il liceo Pacinotti di Cagliari (archivio L'Unione Sarda)

La memoria come valore civile e strumento di lettura della storia e delle esperienze del nostro Paese: è quanto è entrato in modo "ufficiale" anche nelle scuole con la legge 211 del 20 luglio del 2000, con la quale il Parlamento italiano ha istituito in questa data, che corrisponde all'abbattimento dei cancelli di Auschwitz, il "Giorno della Memoria in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti". All'articolo 2 è inoltre specificato che in occasione di tale giorno "sono organizzati cerimonie, iniziative, incontri e momenti comuni di narrazione dei fatti e di riflessione, in modo particolare nelle scuole di ogni ordine e grado, su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti in modo da conservare nel futuro dell'Italia la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia nel nostro Paese e in Europa, e affinché simili eventi non possano mai più accadere".

Il liceo scientifico "Antonio Pacinotti" di Cagliari, in collaborazione con gli Istituti del 1° ciclo I.C. "via Stoccolma", I.C. "Randaccio-Don Milani-Tuveri", S.M. "V.Alfieri" di Cagliari e l'I.C. n.6 di Quartu S.E., ha strutturato un progetto a partire dalla lettura ragionata e critica del libro "Questa sera è già domani", nel quale l'autrice, Lia Levi (che da bambina ha dovuto affrontare i problemi della guerra e della persecuzione razziale, riuscendosi a salvare dalle deportazioni nascondendosi con le sue sorelle in un collegio romano di suore) narra non della vita nei campi degli ebrei deportati, ma delle loro persecuzioni quotidiane, delle difficoltà che hanno dovuto affrontare con la promulgazione delle leggi razziali.

Le vicende della giovane protagonista diventano oggetto di considerazioni dei giovanissimi e giovani lettori perché non si sia dimentichi di quanto accaduto affinché in Italia (ma non solo) quelle pagine buie della nostra storia non possano più ripetersi.

Il progetto avrà il suo punto più significativo lunedì 27 gennaio, alle 11, in occasione della Giornata della memoria, quando gli studenti coinvolti incontreranno la scrittrice Lia Levi al Teatro Massimo di Cagliari, affrontando le tematiche riguardanti l'olocausto e le discriminazioni razziali.

L'autrice dialogherà con studenti, studentesse e docenti, rispondendo alle domande e agli spunti di riflessione emersi dalla lettura del testo e riportando la personale esperienza.

Mentre l'incontro al Teatro Massimo è dedicato agli studenti delle scuole, nel pomeriggio (alle 16.30) nell'Aula "Manzo" del liceo Antonio Pacinotti (via Liguria, 9) Lia Levi terrà un incontro aperto a tutti (ingresso libero fino a concorrenza della capienza dell'Aula) e firmerà a richiesta le copie del suo libro.

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...