#CARAUNIONE

la lettera del giorno

"La protesta degli allevatori, e il mio cuore che piange"

La riflessione della figlia di una coppia di pastori sardi nei giorni della protesta
pastori sardi a macomer (foto l unione sarda)
Pastori sardi a Macomer (foto L'Unione Sarda)

"Gentile redazione,

sono la figlia di una coppia di pastori sardi, e scrivo per dire che sono fiera dell'umanità e dell'umiltà di chi combatte, ogni giorno, per una vita dignitosa. Di chi si sveglia ogni giorno alle 4 del mattino per svolgere le proprie mansioni.

Non ci sono ostacoli che tengano: caldo, freddo, stanchezza e malattie…tutto passa in secondo piano.

Perché? Perché sembrerà strano ma l'allevatore considera prima il benessere dei suoi animali e poi il proprio.

Oggi mi piange il cuore, perché assisto con i miei occhi ai sacrifici di una vita che vengono ricompensati così, con la disperazione che obbliga a elemosinare i frutti di un lavoro puntuale, scrupoloso, rispettoso, costato fatica e sudore".

Valeria Sulas - Perdaxius

***

Potete inviare le vostre lettere e segnalazioni a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...