Il Cagliari trova 3 punti preziosissimi alla Sardegna Arena contro il Parma, al termine di una partita incredibile.

Finisce 4-3, con il gol della vittoria rossoblù siglato da Cerri all'ultimo secondo.

Un match con incipit da incubo per i rossoblù, sotto di due dopo le reti di Pezzella e Kucka. Poi a fine primo tempo Pavoletti accorcia, ma Man, al 59esimo, realizza il 3-1 per gli emiliani. Sembra finita, invece Marin, Pereiro e Cerri riescono a confezionare il miracolo, ridando speranza e ossigeno alla squadra sarda per continuare la battaglia per restare in Serie A.

FORMAZIONI - Per la "sfida della disperazione" mister Semplici manda in campo Vicario, Rugani, Godin, Carboni, Zappa, Marin, Nainggolan, Duncan, Nandez, Joao Pedro e Pavoletti.

D'Aversa risponde con Sepe, Laurini, Bani, Osorio, Pezzella, Grassi, Kurtic, Brugman, Kucka, Man e Cornelius.

Direzione di gara affidata all'arbitro Valeri.

PRIMO TEMPO - La partita tanto attesa inizia subito in ripidissima salita per la squadra di Semplici, colpita a freddo dopo nemmeno 5 minuti. Corner dalla destra degli emiliani, supermischia in area, la palla viene allontanata, ma Pezzella da fuori pesca il jolly col mancino: tiro al volo, imprendibile per Vicario.

Incassata la sberla, il Cagliari prova a svegliarsi, alzando il ritmo. Ma al quarto d'ora trova solo un tiro altissimo di Nandez. Il Parma invece riesce ad arrivare più spesso dalle parti di Vicario, anche senza pungere davvero.

Al 19esimo ci prova Marin dalla distanza, ma Sepe respinge. Poi Nandez manda fuori bersaglio un buon suggerimento di Nainggolan dalla sinistra.

Sul rovesciamento di fronte il Parma sfiora il raddoppio: Pezzella, scatenato, manda fuori giri a sinistra Zappa e poi Duncan, ma il suo tiro è poi respinto da Vicario.

Non c'è tempo di respirare: Duncan libera Zappa sulla destra, il cross dell'esterno del Cagliari colpisce il gomito di Pezzella e Valeri fischia il penalty. Poi però rivede l'azione al Var e torna sulla sua decisione: braccio attaccato al corpo.

Alla mezz'ora secondo schiaffo per i rossoblù: lancio lungo dalla difesa emiliana, Cornelius spizza, disorientando Rugani e Godin, Kucka si inserisce alla perfezione e realizza lo 0-2.

La reazione del Cagliari è rabbiosa. E porta subito frutti: Carboni centra alla perfezione da sinistra, Pavoletti vola in cielo e di testa buca Sepe, accorciando le distanze. Per lui 32esimo gol in rossoblù nella centesima partita con i sardi.

Il Cagliari galvanizzato tenta subito di trovare un'altra rete, ma il tiro di Duncan dalla distanza lambisce il palo e si stampa sui tabelloni.

Rossoblù sotto all'intervallo.

SECONDO TEMPO - Nella ripresa il Cagliari prova a giocarsi il tutto per tutto. Dopo una manciata di minuti, grande brivido: il Ninja lancia per Pavoletti, il numero 30 sfiora e Sepe neutralizza in due tempi, con Zappa che non riesce a trovare la zampata vincente.

Al 50esimo altra occasione per i rossoblù, Nainggolan da destra centra basso per Joao, ma la deviazione del brasiliano viene murata dalla difesa.

Semplici prova a cambiare: fuori Zappa e dentro Lykogiannis.

Ma al 59esimo il Parma cala il tris. Solita azione: palla lunga per Cornelius e spizzata, questa volta per Man, che controlla, brucia la difesa e dal limite fulmina Vicario.

Semplici allora cambia di nuovo: out Duncan e Rugani, dentro Pereiro e Simeone.

E al 65esimo i sardi trovano la rete del 2-3. La firma Marin, che dal limite risolve un'azione insistita dei rossoblù, riaprendo la partita.

Due minuti dopo altra occasionissima Cagliari: cross di Godin da destra, Joao gira di testa: fuori di un niente.

Sul ribaltamento, il Parma per poco non fa poker: Kurtic però, a porta spalancata, spedisce alle stelle.

Poi ancora Cagliari: buon cross di Nainggolan da destra, ma Pavoletti di testa spedisce fuori bersaglio.

Poco prima del 90esimo Semplici getta nella mischia anche Cerri, togliendo Nandez.

Valeri concede 5 minuti di recupero e al primo arriva la magia di Pereiro: controllo dal limite, e sinistro a giro che si infila all'incrocio per il 3-3.

Le emozioni non sono finite. Mihaila fallisce il gol della vittoria (bravo Vicario) e sul ribaltamento di fronte il Cagliari realizza l'incredibile: cross dalla destra di Pereiro, Cerri inzucca sul secondo palo e fa 4-3.

Valeri può solo fischiare la fine. Il Cagliari tutto cuore conquista tre punti in maniera rocambolesca e continua a sperare nella salvezza.

(Unioneonline/l.f.)

***

LA PARTITA MINUTO PER MINUTO
© Riproduzione riservata