Ci si può dividere sulle canzoni in gara, su alcune scelte autoriali, sulla presenzialità di Claudio Baglioni e della sua musica. Ma poi, guardando a questo Festival della canzone italiana con la giusta distanza e spulciando freddamente tra i numeri non ci si può sottrarre dall'evidenziare un merito vero, forse l'unico che importi dalle parti della Rai.

Ovvero i dati degli ascolti in tv, che nella serata di ieri hanno toccato un nuovo picco e dunque un nuovo record: la serata del giovedì del Festival - nonostante le lungaggini e grazie a qualche trovata vincente - non era così vista dal 1999 condotto da Fabio Fazio.

La creatura del direttore artistico Claudio Baglioni prosegue così il suo trend positivo, ottenendo in media 10 milioni 825mila spettatori con il 51,6% di share.

I tre conduttori

LA SERATA - Sono stati tre i punti più alti della serata di ieri, con un momento comico "a sorpresa" e con protagonista Virginia Raffaele che ha raccolto idealmente il testimone lasciato da Fiorello due giorni fa: spunta a sorpresa nella platea e sale sul palco, sfrutta Baglioni come spalla, lo spettina, lo prende in giro sull'età, così come fa con Michelle e il leader della Lega Matteo Salvini, che oggi sarà all'Ariston: "Dopo tre anni in cui conduceva uno di colore finalmente è potuto venire", dice prima di duettare col cantautore romano sulle note di "Canto anche se sono stonato" di Mina.

Poi è la volta di James Taylor, che si presta a un'esibizione a due con Giorgia in "You've got a friend" (i Negramaro invece hanno suonato con Baglioni "Poster") mentre la platea si lascia incantare dall'arrivo all'Ariston di Gino Paoli, che con lo stesso Baglioni e Danilo Rea al piano intona "La canzone dell'amor perduto" di De André, "II nostro concerto" di Bindi, e la sua "Una lunga storia d'amore".

Standing ovation.

James Taylor e Giorgia

Nel mezzo, le canzoni in gara al Festival, con un verdetto finale della sala stampa che premia Gazzè, Lo Stato Sociale e la coppia Meta-Moro.

Un gradino più sotto Luca Barbarossa, The Kolors e Avitabile-Servillo; in coda Fogli-Facchinetti, Biondi, Caccamo, Noemi.

Questa sera verrà invece proclamato il primo vincitore, quello delle nuove proposte, mentre tra i big sarà l'occasione per sfoggiare un po' di fantasia, con i duetti che daranno nuova vita ai brani: una serata, quella del venerdì, da sempre un po' particolare, in attesa del gran finale di sabato.

I DUETTI DEL VENERDÌ - Sul palco Annalisa arriverà con Michele Bravi mentre Avitabile e Servillo verranno spalleggiati dagli Avion Travel e Daby Touré per una versione rivisitata di "Il coraggio di ogni giorno".

I Decibel saranno con Midge Ure, Diodato e Roy Paci con il rapper-non-rapper Ghemon, mentre Elio e le Storie Tese proveranno a sorprendere grazie all'aiuto di vecchie conoscenze del Festival: i Neri per Caso.

La coppia Ermal Meta e Fabrizio Moro salirà sul palco con Simone Cristicchi, e così farà anche Giovanni Caccamo che ha scelto di invitare Arisa.

Le Vibrazioni puntano tutto su Skin degli Skunk Anansie e Lo Stato Sociale su Paolo Rossi e il Piccolo Coro dell'Antoniano (per l'occasione la parolaccia contenuta nel testo della loro canzone dovrebbe essere cancellata).

Luca Barbarossa ha scelto Anna Foglietta, Mario Biondi si esibirà con Ana Carolina e Daniel Jobim. Max Gazzè con Rita Marcotulli e Roberto Gatto, mentre Nina Zilli si appoggerà alla classe di Sergio Cammariere.

Noemi sfodererà la carta Paola Turci, mentre Ornella Vanoni, Bungaro e Pacifico si affideranno all'attore Alessandro Preziosi.

Gli altri duetti sono Roby Facchinetti e Riccardo Fogli con Giusy Ferreri, Red Canzian con Marco Masini, Renzo Rubino con Serena Rossi; Ron con Alice, i The Kolors con Tullio De Piscopo e Enrico Nigiotti.

GLI OSPITI - Dopo l'apparizione di Franca Leosini di mercoledì sera, all'Ariston arriverà un'altra signora della tv, Federica Sciarelli, la conduttrice di "Chi l'ha visto?", amatissima sui social.

E ancora Piero Pelù e Gianna Nannini, che come gli altri cantanti visti in questi giorni duetteranno con Baglioni.

Ci sarà anche Matteo Salvini, la cui presenza è annunciata in platea - non in prima fila, fanno sapere dallo staff- insieme alla fidanzata Elisa Isoardi.

Il leader leghista, in tour elettorale in giro per la Liguria, ha già fatto sapere da giorni l'intenzione di essere al Festival nazionale: ma siamo in piena par condicio, a meno di un mese dalle elezioni, e il compito della regia sarà quello di evitare incidenti.

Ermal Meta e Fabrizio Moro

Le pagelle di Radiolina:

(Unioneonline/m.c.)

Article Link

© Riproduzione riservata