SPORT - CALCIO

dal ritiro di pejo

Il nuovo Cagliari si presenta:
"Pronti a dare il massimo"

Giulini: "Cercheremo di onorare al meglio l'anno del centenario". Maran: "Annata difficile, ma abbiamo grandi aspettative"

Riuscire a regalare ai tifosi un'annata - quella del centenario e del cinquatesimo anniversario dello storico scudetto - ricca di soddisfazioni.

È questo l'obiettivo dichiarato del Cagliari Calcio, che al gran completo si è presentato ai supporter - vicini e lontani - dal ritiro di Pejo, in Trentino.

Sul palco sono saliti, assieme ai giocatori, il presidente Tommaso Giulini e l'allenatore Rolando Maran.

Ed entrambi hanno provato a delineare le sfide da affrontare e i traguardi da raggiungere nella stagione che sta per iniziare.

"È importante l'atteggiamento che i ragazzi stanno dimostrando sin da questi primi giorni - ha detto nel suo intervento il presidente - perché è così che si costruisce la mentalità per fare una grande stagione. Poi tutto il resto verrà".

Giulini sa che il prossimo non sarà un campionato come tutti gli altri e non lo nasconde: "Mi riempie di emozione -ha confessato - entrare negli annali come presidente del Cagliari nell'anno del centenario. Ed è chiaro che questo aumenta ancora di più il senso di responsabilità che sento. Ma prevale l'ambizione di creare un grande futuro per questa società".

"Per il centenario - ha aggiunto - stiamo creando una serie di eventi per rendere indimenticabile l'annata ai tifosi. Scrivere la storia della stagione sul campo, invece, tocca ai giocatori".

Anche mister Maran sa che l'annata che si aprirà ad agosto sarà speciale, da affrontare con il piglio giusto. "Un anno fa, appena arrivato, non mi rendevo perfettamente conto di conto di cosa significasse allenare una squadra con un seguito come quello che ha il Cagliari. Oggi invece ne sono conscio e questo mi riempie d'orgoglio", ha spiegato il tecnico.

Per questo - ha aggiunto - "daremo il massimo e anche di più", pur "consapevoli che sarà un'annata difficile".

"Abbiamo però - ha concluso Maran - importanti aspettative e voglia di prenderci delle soddisfazioni. L'ambiente e l'atmosfera sono congeniali. E anche l'approccio dei ragazzi in questi primi giorni è stato quello giusto, con grande voglia di sacrificarsi e di inseguire i loro sogni".

(Unioneonline/l.f.)

Con i contributi di Fabiano Gaggini

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...