SPORT - ALTRI SPORT

il campionato

Vela: l'equipaggio di studenti del Liceo Azuni trionfa a "Vento de L'Alguer 2019"

La partecipazione al campionato velico fa parte del progetto "Mariniamo la scuola"
la datenandi del liceo azuni (foto ufficio stampa)
La Datenandi del Liceo Azuni (foto ufficio stampa)

A gonfie vele tra i banchi del Liceo Azuni tra latino, greco e filosofia, ma anche tra le onde della Riviera del Corallo. A bordo della barca a vela Datenandi, gli allievi degli indirizzi classico e musicale del liceo sassarese hanno vinto il campionato "Vento de l'Alguer 2019", disputato tra maggio e settembre. Anzi, hanno stravinto, perché nella categoria "Veleggiata Rating FIV" riservata alle imbarcazioni oltre i 10 metri, l'equipaggio del Liceo Azuni si è aggiudicato ben sei primi posti ed una seconda posizione in sette regate.

Gli studenti lupi di mare si sono imposti anche nell'ultima tappa del campionato, organizzata dalla sezione di Alghero della Lega Navale Italiana con il Consorzio del Porto di Alghero, che si è svolta nei giorni scorsi con due regate tra Alghero e Bosa per il trofeo "Base Nautica Usai" e nella quale hanno gareggiato 31 imbarcazioni delle categorie "ORC Crociera/Regata", "Gran Crociera" e "Veleggiata Rating FIV".

A bordo di Datenandi hanno veleggiato gli studenti Laura Carta, Davide Palmas, Fabrizio Ruiu, Martina Sini, Giorgia Bo, Elena Scarpa, Federico Casula, Eleonora Capizzi e Joy Sanna, iscritti nel periodo del campionato alle seconde e terze classi dell'indirizzo classico e di quello musicale. A coordinarli durante le regate sono stati i docenti Stefano Macciocu, Andrea Piras e Gavino Latte, coadiuvati dal tattico Alberto Pinna al governo delle vele.

La partecipazione al campionato velico fa parte del progetto "Mariniamo la scuola", grazie al quale è stato costituito l'equipaggio di Datenandi in collaborazione tra il Liceo Azuni e la sezione di Alghero della Lega Navale Italiana, con lo scopo di diffondere lo sport della vela e di sviluppare nei giovani i valori della collaborazione e del rispetto nelle attività di gruppo.

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...