SALUTE

Lo studio

Recidive dopo l'infarto? Non con l'intelligenza artificiale

L'importante ricerca realizzata dalla cardiologia dell'ospedale Molinette e pubblicata sulla rivista Lancet
(foto www pixabay com)
(foto www.pixabay.com)

L'intelligenza artificiale prevede la possibilità di un nuovo infarto o di un sanguinamento nei pazienti infartuati. Un approccio rivoluzionario, frutto di una ricerca della Cardiologia universitaria dell'ospedale Molinette della Città della Salute di Torino diretta da Gaetano Maria De Ferrari, in collaborazione con Università e Politecnico del capoluogo piemontese, pubblicata oggi sulla rivista Lancet.

"Lo studio, grazie al quale ora possiamo curare meglio i nostri pazienti, è una dimostrazione fortissima delle possibilità dell'Intelligenza artificiale in medicina", spiega De Ferrari.

"I pazienti con infarto miocardico acuto - spiega il dottor Fabrizio D'Ascenzo, coordinatore dello studio - sono ad altissimo rischio nei primi due anni sia di una recidiva di infarto sia di sanguinamenti maggiori legati ai farmaci che mantengono il sangue 'più fluido', come la cardioaspirina. La decisione sulla terapia migliore deve bilanciare questi due rischi, cosa che il cardiologo fa basandosi sulla propria esperienza e sul suo intuito clinico, aiutato da punteggi di rischio. Tuttavia questi punteggi sono poco precisi e pertanto di modesto aiuto anche per un cardiologo esperto. Abbiamo perciò cercato di migliorare la situazione utilizzando dati clinici riguardanti 23mila pazienti, molti dei quali raccolti in Piemonte, che hanno fornito la massa critica di informazioni per la nostra ricerca".

Mentre la precisione dei migliori punteggi disponibili per identificare la possibilità di un evento come un nuovo infarto o un sanguinamento si aggira intorno al 70%, la precisione di questo nuovo punteggio di rischio si avvicina al 90%, riducendo statisticamente la possibilità di una non corretta diagnosi da tre a un solo paziente su dieci analizzati.

"Questo progetto oggettiva ulteriormente la forte partnership tra Università ed Azienda ospedaliera, dove la ricerca e l'assistenza si integrano per assicurare percorsi innovativi sempre più tecnologici, con il fine comune di garantire ai pazienti la migliore cura", sottolinea il Direttore generale della Città della Salute di Torino Giovanni La Valle".

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}