CRONACA - MONDO

coronavirus

In 1.200 sbarcano in Cambogia senza test: tra di loro un infetto e tre italiani

Il buco nei controlli in Cambogia e l'allarme in Italia, dove i nostri connazionali sono già rientrati. Verifiche in corso
passeggeri appena sbarcati dalla westerdam (ansa)
Passeggeri appena sbarcati dalla Westerdam (Ansa)

C'erano anche tre italiani e due italo-brasiliani tra gli oltre 1.200 passeggeri della nave da crociera Usa Westerdam sbarcati nei giorni scorsi nel porto cambogiano di Sihanoukville senza alcun controllo né alcuna forma di quarantena.

Eppure a bordo della nave c'era almeno una persona, una 83enne americana, positiva al coronavirus.

Sono in corso verifiche: diversi i Paesi allertati, che a questo punto stanno cercando di rintracciare i passeggeri della nave per assicurarsi che non siano stati contagiati. L'Italia ha avviato le verifiche: solo un nostro connazionale è rientrato nel Paese, e non mostra al momento i sintomi.

La nave ha attraccato in Cambogia dopo il rifiuto di altri cinque Paesi asiatici, che avevano negato l'attracco proprio per timore del virus.

Le autorità hanno effettuato i controlli sanitari sui passeggeri e li ha autorizzati a rientrare nei loro Paesi. La donna americana è risultata positiva al test solo giorni dopo, quando già si era spostata in Malesia. Giunta la notizia dell'83enne contagiata, le autorità cambogiane e l'armatore della Westerdam si sono messi sulle tracce dei passeggeri sbarcati. Alcuni sono stati rintracciati, ma in molti già avevano preso l'aereo per tornare nei rispettivi Paesi. Tra di loro anche gli italiani.

Il premier cambogiano Hun Sen respinge al mittente le accuse di negligenza: "Abbiamo dovuto aiutarli, abbiamo dovuto affrontare una crisi umanitaria. Siamo accusati di aver importato l'epidemia in Cambogia, ma nessun nostro concittadino è infetto", ha dichiarato. Lo stesso premier è andato a salutare i crocieristi e li ha accolti con dei fiori, ma lo ha fatto senza mascherina protettiva.

È stato intanto programmato per giovedì il rimpatrio di 22 dei 35 italiani a bordo della Diamond Princess. Uno di loro è risultato positivo al test.

Intanto Niccolò, il 17enne di Grado rientrato da Wuhan, e il 29enne italiano contagiato sono entrambi "in ottime condizioni di salute e di umore", emerge dall'ultimo bollettino medico dello Spallanzani. E anche le condizioni della coppia di cinesi ricoverata in terapia intensiva "continuano il progressivo e costante miglioramento, in particolare il maschio".

(Unioneonline/L)

IL COMANDANTE DELLA DIAMOND PRINCESS CHE MOTIVA I PASSEGGERI

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...