CRONACA SARDEGNA - NUORO E PROVINCIA

il perito

Bimbo annegato a Orosei: "La piscina era pericolosa"

La relazione dell'esperto incaricato dal gip sulla tragedia del settembre 2018: "Non conformità gravi"
i soccorsi al piccolo richard (archivio l unione sarda)
I soccorsi al piccolo Richard (Archivio L'Unione Sarda)

Una piscina "pericolosa". Talmente pericolosa da aver provocato la morte di Richard Mulas, i bimbo di 7 anni annegato in un residence di Orosei il 2 settembre 2018, dopo essere stato risucchiato dalla pompa di filtraggio.

A confermare i rischi della vasca, è stato Francesco Bullita, perito incaricato dal gip di Nuoro che si sta occupando delle vicenda.

Secondo quanto ricostruito, Richard è rimasto incastrato con una mano nel pozzetto sul fondo, perché quest'ultimo era "privo della griglia di protezione".

"La progettazione della piscina - ha spiegato il perito - è conforme dal punto di vista formale, non nella progettazione esecutiva, che avrebbe dovuto accompagnare l'impresa e il direttore dei lavori verso una corretta e coerente realizzazione".

Insomma, "c'è un quadro di non conformità gravi e diffuse in capo alla gestione e alla costruzione".

L'inchiesta continua. Indagati sono i responsabili delle strutture che utilizzavano la piscina, ovvero "Gli Ulivi" e "l'Holiday residence Rifugio".

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}