CRONACA SARDEGNA - GALLURA

i presidi

I sindaci della Gallura difendono gli ospedali: "Mobilitazione finché Cagliari non ci darà risposte"

La protesta prosegue a oltranza a Olbia
l ospedale giovanni paolo ii (archivio l unione sarda)
L'ospedale Giovanni Paolo II (archivio L'Unione Sarda)

La Gallura alza il livello nella lotta a difesa dei servizi sanitari.

Ieri il consiglio comunale di Olbia ha messo a nudo i problemi del comparto, con i primari degli ospedali a testimoniare le difficoltà quotidiane, da oggi è attivo un presidio permanente davanti all'ospedale Giovanni Paolo II di Olbia, mentre un flash mob davanti agli ospedali di Olbia, Tempio e La Maddalena.

"Abbiamo bisogno di risposte immediate sulla sanità in Gallura, il diritto alla salute deve essere uguale per tutti i cittadini e per tutti i territori, chiediamo che si proceda quanto prima all'assunzione del personale per porre fine a questa drammatica situazione, confermata peraltro di medici", dice il sindaco di Olbia, Settimo Nizzi, partecipando al presidio "Avamposto sanitario gallurese".

Vi si alterneranno, a oltranza, i vari esponenti istituzionali e politici del territorio, finché da Cagliari non arriveranno risposte concrete alle rivendicazioni territoriali.

Stasera la manifestazione senza colore politico triplica e va in scena, oltreché Olbia, anche a Tempio e La Maddalena.

Nel frattempo l'Ats respinge le accuse di disservizi nelle strutture sanitarie della Gallura. "Si sono sempre garantiti i livelli essenziali di assistenza in tutto il territorio della Gallura - dice l'Ats - l'Area socio sanitaria locale di Olbia ha sempre avuto un ruolo centrale all'interno dei processi di programmazione sanitaria regionale".

(Unioneonline/F)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}