CULTURA

Il riconoscimento

La proposta dalla Norvegia: "Ai 'fact checkers' il Nobel per la Pace"

"Viviamo in un'epoca in cui combattere le fake news è così importante che Joe Biden ne ha parlato nel suo discorso d'insediamento"
il premio nobel per la pace (foto wikimedia)
Il Premio Nobel per la Pace (foto wikimedia)

I "fact checkers", e cioè chi si impegna a verificare la veridicità delle notizie, sono stati proposti al Nobel per la Pace.

L'idea arriva da una parlamentare norvegese, Trine Skei Grande, ex leader del Partito Liberale. "Viviamo in un'epoca in cui combattere le bugie è così importante che Joe Biden ne ha parlato nel suo discorso - ha spiegato -. Quest'anno ho proposto i fact checkers per il Premio Nobel per la Pace. Hanno bisogno del nostro sostegno".

La parlamentare, in particolare, ha proposto per l'importante riconoscimento l'International Fact-Checking Network (Ifcn), una rete composta da decine di media e organizzazioni attive in tutto il mondo nella verifica dei fatti tra cui France Presse, Washington Post, Reuters, nonché il sito web sudafricano Africa Check e organizzazioni in Asia e Sud America.

Nel suo discorso inaugurale di mercoledì, il nuovo presidente degli Stati Uniti Biden ha parlato di un "attacco alla democrazia e alla verità" e ha detto che i cittadini e i leader hanno il dovere di "difendere la verità e sconfiggere le bugie".

Il vincitore del Premio per la Pace 2021 sarà annunciato all'inizio di ottobre a Oslo. L'anno scorso il prestigioso premio è andato al World Food Programme (Wfp).

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}