CULTURA

APPROFONDIMENTO

Fabrizio De Andrè, il poeta che scelse di vivere in Gallura

Il cantautore ligure innamorato della Sardegna avrebbe compiuto oggi 80 anni
fabrizio de andr (archivio l unione sarda)
Fabrizio De André (archivio L'Unione Sarda)

Il 18 febbraio Fabrizio De Andrè avrebbe compiuto 80 anni. Forse li avrebbe festeggiati a l'Agnata, un angolo di verde e di pietra ritagliato ai piedi del monte Limbara, il luogo in cui aveva deciso di vivere con la sua Dori, quel paradiso nel quale tornò anche quando uscì dall'inferno all'ombra dell'hotel Supramonte. Un male terribile lo uccise l'11 gennaio del 1999 e così a ricordarlo saranno i suoi tanti, tantissimi amici: coloro lo hanno amato e lo amano, coloro che suonano le sue canzoni, le sue poesie fatte di lotta e di libertà.

In questi giorni sono moltissime le celebrazioni che gli rendono omaggio: è in corso la rassegna Buon compleanno Faber e in tutta Italia viene proiettato per tre giorni il film documentario che ripropone il concerto con la Pfm. Navigando su internet, la prima voce offerta da Google è quella che riporta al sito ufficiale, curato dalla fondazione che del vate di Genova porta il nome.

"Cosa avrebbe potuto fare alla fine degli anni Cinquanta un giovane nottambulo, incazzato, mediamente colto, sensibile alle vistose infamie di classe, innamorato dei topi e dei piccioni, forte bevitore, vagheggiatore di ogni miglioramento sociale, amico delle bagasce, cantore feroce di qualunque cordata politica, sposo inaffidabile, musicomane e assatanato di qualsiasi pezzo di carta stampata? Se fosse sopravvissuto e gliene si fosse data l'occasione, costui, molto probabilmente, sarebbe diventato un cantautore. Così infatti è stato ma ci voleva un esempio".

Firmato: Fabrizio De Andrè Con questa citazione si apre la biografia nella quale si narra come tutto ebbe inizio nel 1955 quando un giovanissimo Fabrizio si esibì per la prima volta in occasione di uno spettacolo di beneficenza, cominciò a suonare allora e da allora, per fortuna, non si fermò più. Raccontarlo senza musica non è facile. A meno che non si usino i suoi versi. E ce ne sono alcuni che più di altri testimoniano il forte legame con la Sardegna, con lo stazzo che divenne la sua casa nelle campagne di Tempio. Monti di Mola e Zirichiltaggia, scritte in gallurese, ne sono due esempi. Ecco i testi così come sono riportati nel sito della Fondazione "Fabrizio De Andrè".

De andré (archivio L'Unione Sarda)
De andré (archivio L'Unione Sarda)

MONTI DI MOLA In li Monti di Mola la manzana un'aina musteddina era pascendi in li Monti di Mola la manzana un cioano vantaricciu e moru era sfraschendi e l'occhi s'intuppesini cilchendi ea ea ea ea e l'ea sguttesi da li muccichili cù li bae ae ae e l'occhi la burricca aia di lu mare e a iddu da le tive escia lu Maestrale e idda si tunchiâ abbeddulata ea ea ea ea iddu le rispundia linghitontu ae ae ae ae. "Oh bedda mea l'aina luna la bedda mea capitale di lana. Oh bedda mea bianca foltuna". "Oh beddu meu l'occhi mi bruxi lu beddu meu carrasciale di baxi lu beddu meu lu core mi cuxi". Amori mannu di prima 'olta l'aba si suggi tuttu lu meli di chista multa. Amori steddu di tutti l'ori di petralana lu battadolu di chistu cori. Ma nudda si po' fâ nudda in Gaddura che no lu énini a sapi int'un'ora e 'nfattu una 'ecchia infrasconata fea ea ea ea piagnendi e figgiulendi si dicia cù li bae ae ae. "Beata idda ùai che bedd'omu beata idda cioanu e moru beata idda sola mi moru beata idda ià me l'ammentu beata idda più d'una 'olta beata idda 'ezzaia tolta". Amori mannu di prima 'olta l'aba si suggi tuttu lu meli di chista multa amori steddu di tutti l'ori di petralana lu battadolu di chistu cori. E lu paese intreu s'agghindesi pa' la coiu lu parracu mattessi intresi in lu soiu ma a cuiuassi no riscisini l'aina e l'omu chè da li documenti escisini fratili in primu. E idda si tunchiâ abbeddulata ea ea ea ea iddu le rispundia linghitontu ae ae ae ae.

ZIRICHILTAGGIADi chissu che babbu ci ha lacátu la meddu palti ti sei presa, lu muntiggiu rúiu cu lu súaru li àcchi sulcini lu trau mannu e m'hai laccatu monti múccju e zirichèlti... Ma tu ti sei tentu lu riu e la casa e tuttu chissu che v'era 'ndrentu li piri butìrro e l'oltu cultiato e dapói di sei mesi che mi n'era 'ndatu parìa un campusantu bumbaldatu... Ti ni sei andatu a campà cun li signori fènditi comandà da to muddèri e li soldi di babbu l'hai spesi tutti in cosi boni, midicini e giornali che to fiddòlu a cattr'anni aja jà l'ucchjali... Ma me muddèri campa da signora a me fiddòlu cunnosci più di milli paráuli la tòja è mungnendi di la manzàna a la sera e li toi fiddòli so brutti di tarra e di lozzu e andaràni a cuiuàssi a qalche ziràccu... Candu tu sei paltutu suldatu piagnii come unu stèddu e da li babbi di li toi amanti t'ha salvatu tu fratèddu e si lu curàggiu che t'è filmatu è sempre chiddu chill'èmu a vidi in piazza ca l'ha più tostu lu murro e pa lu stantu ponimi la faccia in culu.

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...