CULTURA

modigliani tattoo parlour

Nasce a Porto Torres un rifugio espositivo per artisti

Dal 21 dicembre al 7 gennaio, l'area adibita all'esposizione verrà battezzata con un evento unico
tre artisti a destra michele rum (foto concessa)
Tre artisti, a destra Michele Rum (foto concessa)

È in dirittura d'arrivo un nuovo spazio espositivo di opere d'arte nel cuore pulsante di Porto Torres, una nicchia nuda e cruda entro cui gli artisti potranno esibire con fierezza i propri lavori. La location è il Modigliani Tattoo Parlour, un luogo che si è sempre occupato di cultura, dove si fanno tatuaggi e ci si occupa con grande premura di illustrazione, pittura, fotografia e video.

Qui ciò che realmente conta è compartire un'ideale, una filosofia di vita: "Siamo convinti che la condivisione sia uno strumento oggi più che mai fondamentale per la crescita umana ed è per questo che da circa un anno siamo aperti ad esperienze di co-working all'interno del nostro spazio", sostiene il titolare dell'attività e direttore artistico Michele Rum.

Lo spazio espositivo deve intendersi quale una tabula rasa da riempirsi con le migliori idee in circolazione, in un perenne confronto di vedute ed arti, tutto calato in uno spazio pocket ove solo la cultura può regnare incontrastata, un rifugio mignon per gli artisti che vogliono sfidare sé stessi ed il mercato. "Viviamo il nostro luogo come un contenitore di aggregazione e creazioni, ci piace ospitare cultura", sottolinea Rum, che ricorda altresì con emozione un evento dello scorso anno che racchiudeva la prorompenza creativa di due artisti locali molto particolari: "Abbiamo assistito ad un live painting dell'artista sassarese Sardomuto, al secolo Andrea D'ascanio, nel cortile del nostro studio e ad un intimissimo appuntamento con la cantautrice anche lei sassarese Angela Colombino, che si è esibita nella hall davanti a un piccolo pubblico, raccontandoci la sua esperienza creativa".

Il vento che spingerà gli artisti a farsi avanti e aprire prepotentemente il sipario sulle loro produzioni è imperativo ed è ''Mostrati'', parola che racchiude "Mostra" e la particella personale "ti", per suggellare l'idea di una mostra che è di chi se la prende. Dal 21 dicembre al 7 gennaio, l'area adibita all'esposizione verrà battezzata con un evento unico, che porterà la firma dell'artista Michele Rum e del fotografo Marco Piras: "Faremo una mostra-mercato a chilometro 0, verranno esposte opere dei fotografi Marco Piras e Alberto Mugoni". Ma non solo, il giorno seguente verrà realizzato anche uno shooting fotografico per ritratti di famiglia o singoli a cura di Marco Piras.

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...