#CARAUNIONE

La lettera del giorno

"La diagnosi di sclerosi multipla, e quelle sospirate cure"

"Un'attesa di un mese e mezzo per riuscire a fissare un appuntamento, e dopo un'infinita serie di chiamate giornaliere senza risposta"
(archivio l unione sarda)
(archivio L'Unione Sarda)

"Cara Unione,

purtroppo oltre un mese fa a mia moglie è stata diagnosticata la sclerosi multipla dal centro sclerosi di Cagliari.

Certamente una notizia non facile da digerire, ma comunque rassicurati che al più presto avrebbe cominciato la cura e che se avesse avuto necessità avremmo potuto contattarli immediatamente.

Tutto questo ad inizio dicembre, e da allora i quotidiani tentativi di metterci in contatto con loro, all'ospedale Businco, ci hanno fatto rimediare attese telefoniche di anche 30-40 minuti al giorno e nessuna riposta. Abbiamo provato anche attraverso le mail, nulla di fatto.

Di presenza non fanno entrare senza prenotazione, e dunque la domanda ci è sorta spontanea: come fare per iniziare la cura, visto che è raccomandato agire nel più breve tempo possibile?

Ieri, finalmente e quando ormai eravamo arrivati allo sconforto, ci hanno risposto, e l'appuntamento è stato fissato per i prossimi giorni.

Ora però ci chiediamo, possibile dover insistere e aspettare per tutti questi giorni?

Purtroppo non è facile accettare la malattia, ma se poi la sanità ci mette del suo è ancora più complicato, sopratutto in questo periodo dove è sconsigliato spostarsi.

Grazie dell'attenzione".

A.C. - Oristano

***

Potete inviare le vostre lettere, segnalazioni e contenuti multimediali a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che esprimono opinioni, denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}