#CARAUNIONE

La lettera del giorno

"Tutti ammassati sul traghetto, è questo il modo in cui si combatte il Covid?"

"Si lamentano i focolai, ma poi nessuno fa nella realtà nulla per contenerli"
foto inviata dal lettore
Foto inviata dal lettore

"Cara Unione,

sono un sardo emigrato per lavoro come tanti.

Abito a Treviglio, nel mezzo di una delle zone più colpite dal Covid. Ma anche in una delle zone più rispettose delle regole imposte da questa situazione, probabilmente anche perché duramente colpita.

Ebbene, nel tornare nella mia Sardegna, due giorni fa, sono rimasto sconvolto dalla superficialità di come le autorità e la compagnia di navigazione hanno gestito l'imbarco e lo sbarco dei passeggeri.

Nessun controllo dei documenti all'imbarco e nemmeno la conta di quanti eravamo in auto. Nessun controllo della temperatura all'ingresso.

Sul traghetto, come al solito e sempre, viaggiatori ammassati come in un carro bestiame.

Nessuna procedura di contenimento e distanziamento, solo qualche avviso sull'obbligo di indossare la mascherina.

Ancora peggio allo sbarco a Olbia. Nessuna indicazione su come comportarsi, nessuna procedura di sbarco. Due ore ammassati come nella foto che allego.

Le autorità in generale, la Regione Sardegna, la stessa stampa lamentano i focolai, il comportamento delle persone, ma non vedo nessuna azione, nessun controllo là dove si sa che ci sono i rischi.

Ma ho l'impressione che gli aspetti economici prevalgano sempre. O no?

Un cordiale saluto".

M.L. - Treviglio

***

Potete inviare le vostre lettere, segnalazioni e contenuti multimediali a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che esprimono opinioni, denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}