#CARAUNIONE

La lettera del giorno

"Tirrenia e le mamme sarde, che forse contano meno delle altre"

La lamentela di un lettore su una promozione lanciata dalla compagnia di navigazione in occasione della festa della mamma
immagine simbolo (foto da google)
Immagine simbolo (foto da Google)

"Gentile redazione,

grazie a Tirrenia e Moby Lines, nel giorno della festa della mamma ho scoperto di essere orfano di madre.

In realtà, da quello che ho appreso, lo sono evidentemente tutti i sardi, compresi il Presidente Solinas e il neo assessore ai Trasporti.

Mi spiego: sabato 11 maggio è partita la promozione 'Festa della mamma' che consente l'emissione dei biglietti per nave a tariffa ridotta, cioè gratis ad ogni mamma.

Così ho pensato di fare i biglietti, considerato che lo sconto è cumulabile con quello per residenti. Amara scoperta: per i sardi il sito online (poi confermato anche telefonando al servizio commerciale), non consente lo sconto e il biglietto di lo si deve pagare per intero, seppure con tariffa residenti.

Chi non è sardo invece gode della promozione, e può in sostanza usufruire di tariffe scontate come fosse residente.

Tirrenia e Moby Line pubblicizzano, dunque, un prodotto ad una tariffa per i sardi inesistente?

Non rassegnandomi a quanto appreso da sito e assistenza telefonica, che mi parlavano fra l'altro di un errore o 'bug' del sistema ma non certo sanabile nel corso del weekend, ho presentato reclamo, dopo avere fatto il biglietto.

La risposta è stata che nell'arco di due mesi mi faranno sapere se il reclamo è stato accertato.

Quello che mi indigna di più, in tutto ciò, è però il fatto che in quel weekend i sardi che hanno acquistato i biglietti delle navi saranno senz'altro un buon numero, e nessuno si è lamentato?

Che dire, siamo un popolo strano, restiamo sempre un passo indietro agli altri... ma forse ce lo meritiamo se, del resto, non festeggiamo neppure la nostra mamma!

Cordiali saluti".

Giovanni Serra - Cagliari

***

Potete inviare le vostre lettere, segnalazioni e contenuti multimediali a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che esprimono opinioni, denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...