Un importante riconoscimento internazionale per la Banca del Germoplasma della Sardegna, parte integrante del Centro Servizi dell'Orto botanico dell'Università di Cagliari, che ancora una volta si conferma essere la struttura di riferimento per questo genere di studi.

La Banca del Germoplasma è un particolare tipo di banca genetica, che ha come scopo la preservazione della varietà biologica tramite lo stoccaggio di un'adeguata quantità di specie pronte alla semina nell'eventualità di una catastrofe biologica che comporti la distruzione delle scorte di semi alimentari attualmente obbligatorie in alcuni stati.

In particolare, a margine del simposio internazionale e workshop svoltosi in Kuwait sul tema del "recupero dell'ecosistema delle terre aride", il professor Gianluigi Bacchetta, direttore dell'Orto botanico cagliaritano, ha ricevuto una targa per il ventennale lavoro svolto dalla Banca del Germoplasma.

Gianluigi Bacchetta, unico italiano al simposio, ha coordinato i lavori della sessione dedicata alla conservazione e selezione delle piante autoctone, e ha presentato un'apprezzata relazione sul tema con focus sull'area del Mediterraneo.

"Per questo - spiega con soddisfazione Bacchetta - ci è stata assegnata anche la presidenza della rete 'Genmeda' che riunisce 18 banche del Germoplasma di 10 diversi Stati del pianeta".

Ulteriori accordi di collaborazione sono in via di definizione con il prestigioso "Environment and Life Sciences Research Center" del Kuwait, con l'obiettivo di sviluppare progetti comuni di recupero secondo le tecniche proposte durante l'importante convegno.

Il professor Bacchetta con Kingsley Dixon

La Banca del Germoplasma della Sardegna è parte attiva di vari network e consorzi, ed in particolare dell'International Network for Seed-Based Restoration, con cui sta lavorando attivamente. A questo proposito è stato molto significativo l'incontro, avvenuto durante i lavori del simposio, del professor Bacchetta con il professor Kingsley Dixon, attualmente il numero 1 al mondo per gli studi sulla "seed ecology", l'ecologia delle sementi.

(Redazione Online/v.l.)
© Riproduzione riservata