SPETTACOLI

l'appello

Il dramma di Shalpy: "Sono indigente, sono anche disposto a fare il cameriere"

Il cantautore 58enne ha raccontanto le sue difficoltà in un'intervista a Rolling Stones
shalpy (da instagram)
Shalpy (da Instagram)

"Vivo in condizioni di estrema indigenza, sono disposto a fare il cameriere".

Sono parole di Shalpy, cantautore molto noto negli anni Ottanta e Novanta e che oggi invece fatica a sbarcare il lunario.

58 anni, all'anagrafe Giovanni Scialpi, l'artista emiliano si è raccontato al magazine Rolling Stones, spiegando: "Ho investito gli ultimi soldi che avevo in un singolo che frutterà poche centinaia di euro. Alla mia età sono nelle condizioni di un esordiente".

L'ultimo brano in questione s'intitola "Let it snow". "Mi sta dando soddisfazione", spiega l'artista, "ma in questo momento mi trovo in una situazione difficile, come il 90% per cento della gente che fa questo mestiere. Faccio parte di una fetta di persone che non sono calcolate né dallo Stato né dall'immaginario collettivo".

Poi, dopo il racconto delle sue difficoltà, il cantante, conosciuto per brani come "Pregherei" e "Rockin'n rollin", lancia una sorta di appello: "Sono disposto a fare qualsiasi cosa mi venga proposta. Io sono molte cose, posso affrontare tanti ambiti lavorativi. Sto portando alla ribalta la mia storia, ma non sono il solo".

(Unioneonline/l.f.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}