SPETTACOLI

TEATRO

"La nonna che mangiò il lupo": a Cagliari la pièce contro le truffe agli anziani

Un viaggio tra le truffe più frequenti ai danni di persone anziane, con esempi concreti e suggerimenti su come difendersi
(foto www pixabay com)
(foto www.pixabay.com)

L'arte come antidoto ai raggiri: è andato in scena al Teatro Sant'Eulalia di Cagliari "Sconfiggere i ladri di speranze, ovvero la nonna che mangiò il lupo".

La pièce, scritta e diretta dall'attore e regista Stefano Ledda, anche protagonista insieme a Elio Turno Arthemalle, Alessandra Leo e Marta Proietti Orzella, affronta il tema scottante e attuale delle truffe agli anziani.

Dopo l'anteprima al TsE di Is Mirrionis e poi al Sant'Eulalia, lo spettacolo il 23 ottobre alle 19 sarà di nuovo al TsE di Is Mirrionis e il 28 ottobre, sempre alle 19, al Teatro Massimo di Cagliari: una piccola tournée nei diversi quartieri della città, dalla Marina a Stampace, per offrire attraverso la potenza espressiva e comunicativa del teatro gli strumenti per difendersi da una delle insidie della società moderna.

"Un viaggio tra le truffe più frequenti ai danni di persone anziane, con esempi concreti e suggerimenti su come difendersi e prevenire un fenomeno purtroppo sempre più diffuso, come mostrano le cronache - spiega Stefano Ledda - mi interessava raccontare i risvolti emotivi, lo stato d'animo delle vittime: al senso di vergogna per essere stati truffati si aggiunge la paura che gli altri pensino che tu non sia più capace di badare a te stesso".

La pièce, in un continuo confronto con il pubblico attraverso un gioco metateatrale, prova a riscrivere il finale della celebre favola, insegnando alla nonna come sconfiggere i moderni "lupi" delle metropoli.

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}