SPETTACOLI

Il racconto

Il dramma di Dalila Di Lazzaro: "Più di 750mila euro spesi per curarmi, vivo con la morfina in tasca"

Ospite in tv, l'ex modella ha raccontato delle terribili conseguente di un incidente in cui è rimasta coinvolta
(foto da frame video storieitaliane)
(foto da frame video @StorieItaliane)

Un racconto senza filtri quello di Dalila Di Lazzaro, ospite in tv alla trasmissione "Storie italiane" di Eleonora Daniele.

L'ex modella ha raccontato i come i dolori neuropatici le abbiano rovinato la vita, delle lunghe e costose cure cui si è sottoposta, e delle difficoltà legate a un mestiere dove se interrompi la carriera rischi di non avere più una pensione dignitosa.

Le condizioni di salute della Di Lazzaro sono, infatti, molto più complicate di quanto appaiano guardandola in tv, e questo sia per un incidente accaduto negli Stati Uniti, dove un aereo che aveva preso per raggiungere una festa alle Bahamas precipitò lasciandola sette ore in acqua prima di essere soccorsa, e poi per una brutta caduta in scooter.

L'incidente aereo "ha rotto un momento magico della mia carriera - ha spiegato la Di Lazzaro -. A causa di quell'incidente non ho più potuto lavorare. Non sono arrivata a quarant’anni di lavoro ma se anche lo avessi fatto, pur avendo sempre versato, oggi non avrei una pensione dignitosa".

"Se una persona è costretta a smettere di lavorare e non può più fare niente, come si deve comportare? - ha poi aggiunto - Mi mancavano circa dieci anni di lavoro, ho chiesto mille volte di avere un’integrazione, ma è come chiedere l’elemosina".

"Ho un dolore cronico - ha poi proseguito -. Ho speso più di 750mila euro per curarmi. Vorrei riconoscessero che il mio problema è grave. Anche se mi vedete così, io non posso muovermi. Ho battuto la schiena e un pezzo di trapezio mi ha strappato dei tessuti nervosi dalla spina dorsale. Soffro di un dolore cronico neuropatico, non posso muovermi come tutti voi. Posso fare due passi ma sempre con la morfina in tasca".

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}