SPETTACOLI

Sean Penn, la nuova serie tv e le critiche al movimento #MeToo

sean penn (foto ansa)
Sean Penn (foto Ansa)

Anche Sean Penn stregato dalle serie tv.

L’attore due volte premio Oscar sbarca sul piccolo schermo con un ruolo da protagonista in “The First”, ultima creatura dell’ideatore di House of Cards, Beau Willimon.

Penn interpreta l’ex astronauta Tom Hagerty, e la storia è ambientata nel 2030, in un futuro immaginario con la Terra colpita da una terribile siccità e numerose persone senza tetto a causa dei cambiamenti climatici.

Tom è un vedovo alle prese con l’apparente suicidio della moglie (Melissa George) e la dipendenza dalle droghe della figlia Denise (Anna Jacoby-Heron). Proprio per stare accanto a quest’ultima abbandona il lavoro rinunciando a partecipare alla prima missione dell’uomo su Marte. Ma quando il lancio non va come previsto, dovrà tornare suo malgrado ad occuparsi delle vecchie attività.

Penn si aggiunge, dunque, alla lista degli attori di Hollywood che con sempre maggiore frequenza dicono sì alle serie tv.

Per lui, in questi giorni e proprio in occasione di una presentazione della nuova serie, anche l'uscita che nessuno si sarebbe aspettato, con una dura critica al movimento #MeToo: "“Non sappiamo cosa sia avvenuto in molti casi. Indecente è chiamare subito movimento qualcosa che è in realtà una serie di tanti accusatori che incolpano vittime di fatti talora infondati".

E ancora: "Sono diffidente nei confronti di un movimento che si nutre di un grande clamore e pieno di rabbia, senza sfumature". E dove "anche quando le persone cercano di discuterne in modo sfumato la sfumatura viene attaccata".

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata


UOL Unione OnLine

COMMENTI

Sottoscrivi l'unione sarda
abbonati a L'Unione Sarda'
PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...