SALUTE

L'annuncio

Nieddu: "La telemedicina come opportunità per migliorare l'assistenza sul territorio"

Presentato oggi a Cagliari un particolare dispositivo per il monitoraggio dei parametri vitali a distanza
l assessore nieddu (archivio l unione sarda)
L'assessore Nieddu (archivio L'Unione Sarda)

"La telemedicina rappresenta un'arma in più e introduce soluzioni innovative per la tutela della salute dei cittadini. In un territorio come il nostro, vasto e con una certa dispersione della popolazione, dove non sempre l'accesso alle strutture è agevole, la tecnologia può migliorare i livelli d'assistenza alla popolazione, in particolare dei soggetti più fragili, come gli anziani o i pazienti cronici".

Sono le parole dell'assessore regionale della Sanità, Mario Nieddu, nel corso dell'incontro che si è tenuto a Cagliari, per la presentazione del "Vital Sings Wearable", dispositivo per la telemedicina sviluppato all'interno di un progetto che ha messo insieme ricercatori dell'Università di Cagliari e un gruppo di ricercatori internazionale e multidisciplinare guidati da Vincenzo Piras, ordinario dell'Università di Cagliari e direttore dell'Unità complessa di Odontostomatologia all'Aou di Cagliari, e da Raffaele Ciavarella, fisico, docente e ricercatore alla Sorbona di Parigi.

"La necessità di potenziare l'assistenza a distanza è emersa con forza durante l'emergenza Covid-19. Accogliamo favorevolmente e con grande interesse la possibilità di sperimentare nel nostro sistema sanitario una tecnologia che, in parte, è nata qui. I possibili campi applicativi sono molteplici e intendiamo definire un progetto per testare le potenzialità sul nostro territorio".

Il dispositivo, un bracciale di classe medicale indossabile, è stato ideato per il monitoraggio dei parametri vitali (come frequenza cardiaca, saturazione arteriosa e il movimento), integra sensori di ultima generazione, gli stessi che sono presenti negli apparati delle sale operatorie, e utilizza un algoritmo di alto livello in grado di elaborare i dati rilevati in funzione di monitorare diverse tipologie di pazienti, anziani, persone in assistenza domiciliare, ma anche operatori sanitari in servizio nelle strutture.

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}