SALUTE

L'appuntamento

Domani la giornata sulla salute della donna: attivo un numero verde cui rispondono 100 dottoresse

L'appuntamento è stato istituito nel 2015 per sensibilizzare le donne italiane sui temi, appunto, della salute
(foto www pixabay com)
(foto www.pixabay.com)

Si celebra domani, in tutta Italia, la Giornata della salute della donna.

Un importante appuntamento istituito nel 2015 per sensibilizzare le donne italiane sui temi, appunto, della salute. E che domani, nonostante l'isolamento a causa della pandemia da coronavirus, ha già in programma numerose iniziative.

Fra le altre, l'attivazione di un numero verde gratuito "cui le donne potranno rivolgersi per ricevere risposte a dubbi e quesiti sul Coronavirus", spiega in una nota il sottosegretario alla Salute Sandra Zampa. Al numero verde gratuito 800.189.441 risponderanno 100 dottoresse.

Tra le nuove iniziative prevista anche la pubblicazione periodica sul portale del ministero, e a partire da oggi, di numerose infografiche che approfondiscono diverse tematiche: la prima riguarda le donne e il coronavirus, con i dati forniti dall'Istituto superiore di sanità su incidenza, età e sintomi tra gli operatori donne. Successivamente troveranno spazio argomenti come la menopausa, l'osteoporosi, il percorso nascita ma anche la violenza domiciliare e la depressione, con dati ed una sessione dedicata a chi rivolgersi.

Il sito sarà inoltre arricchito da video testimonianze di donne impegnate quotidianamente nella lotta al Covid-19.

Dal 2015 ad oggi in questa giornata, promossa dal ministero della Salute insieme alla Fondazione Atena Onlus, sono state messe in campo molteplici manifestazioni con incontri per approfondire temi centrali della salute al femminile insieme alla possibilità di consulenze mediche e screening gratuiti.

"Il mio ringraziamento speciale - ha concluso Sandra Zampa - va a tutte le donne che si fanno carico della salute delle proprie famiglie, quelle donne che portano sulle proprie spalle la gestione della salute del nostro Paese. E oggi a quelle donne che, in prima linea, affrontano con determinazione e dedizione l'emergenza sanitaria da Covid-19. Questi giorni non ci devono far dimenticare che la sanità è gestita per oltre il 70% dalle donne in maniera capillare. Accanto ai direttori generali degli ospedali ci sono infatti tante professionalità femminili che si occupano a 360 gradi della salute dei degenti: dai medici alle infermiere, alle ostetriche, alle altre operatrici sanitarie. Il loro lavoro è fondamentale per arginare l'emergenza da Covid-19 che il nostro Paese in particolare si trova ad affrontare".

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...

}