SALUTE

Il report

Farmaci "gioiello" in Italia: nel nostro Paese i prezzi fra i più alti al mondo

In Europa costi più alti solo in Germania
immagine simbolo (foto da pixabay)
Immagine simbolo (foto da pixabay)

Farmaci sempre più cari nella Penisola.

Secondo la classifica del Medicine Price Index 2019, che mappa le differenze nei costi dei medicinali in tutto il globo, l'Italia si trova al quarto posto a livello mondiale.

Il primato per i prezzi più cari spetta agli Stati Uniti, dove i medicinali costano oltre il 306% in più rispetto al prezzo medio di 50 Paesi del mondo, seguiti da Germania (+125%), Emirati Arabi Uniti (+122) e Italia, dove il costo è poco più del 90% più alto. Dopo di noi, in classifica, Danimarca, Qatar, Spagna, Olanda, Israele e Islanda.

La classifica è realizzata da Medbelle, fornitore di servizi sanitari digitali britannico, che ha confrontato il prezzo di 13 farmaci riferiti ad altrettante patologie. Il risultato è un indice comparativo tra 50 Paesi che rivela le differenze di costo di alcuni dei medicinali più comunemente utilizzati, dagli anticolesterolo agli antibiotici, dai prodotti per l'artrite e l'asma agli immunosoppressori.

Inclusi nell'analisi sia i prezzi medi del composto di marca sia delle versioni generiche, per avere un profilo completo di ciascun farmaco. Medbelle ha anche uniformato il dosaggio per rendere comparabile il prezzo.

Secondo l'analisi la Thailandia è il paese con i prezzi più bassi, -93,93% rispetto alla media, seguita da Kenya (-93,76%), Malesia (-90,80%) e Indonesia (-90,23). Medicine meno care anche in India (-73%), Sudafrica (53%), Russia (51,92%), Turchia (-41,57%), Egitto (38,67%) e Corea del Sud (33,98%).

Il farmaco con la maggiore deviazione di prezzo dalla media globale è il medicinale per la pressione Lisinopril (Zestril*), che negli Usa costa il 2682.56% in più rispetto al prezzo medio globale.

"Uno dei risultati più eclatanti dello studio è quanto sia più elevato il costo delle medicine negli Stati Uniti rispetto al resto del mondo", spiega Daniel Kolb, cofondatore e amministratore delegato di Medbelle. "Ad esempio l'insulina: il nostro studio mostra che gli americani spendono circa cinque volte e mezzo in più rispetto alla media globale per questi farmaci salvavita per il diabete".

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...