POLITICA

A Pomeriggio Cinque

Show di Berlusconi: "Italiani impazziti, mi votano solo in 5 o 6 su cento"

Il Cav torna in tv, nel salotto di Barbara D'Urso, e ne ha per tutti. Anche per la "sua" Mediaset che non lo invita mai
berlusconi a pomeriggio5 (foto twitter)
Berlusconi a Pomeriggio5 (foto Twitter)

Non riesce a capacitarsi Silvio Berlusconi. Torna in tv, nel salotto di Barbara D'Urso su Canale % e dice: "Quanti italiani votano Silvio Berlusconi? Cinque o sei su 100. Mi vergogno di questo, gli italiani sono fuori di testa? Dove hanno messo la testa per votare uno come Di Maio".

E ancora, parlando di sé in terza persona: "Berlusconi ha fatto tanto, abbassato le tasse, creato un ruolo per l'Italia nel mondo, creato posti di lavoro. Dall'altra parte c'è Di Maio. Cosa ha fatto? Cosa ha studiato? E gli diamo in mano l'Italia? Siamo un popolo di matti".

Un vero e proprio show quello del Cavaliere, che si è rivolto direttamente al pubblico in sala. "Il signor Di Maio cosa ha fatto? Di Battista chi è? Chi sono? Dove hanno studiato? Quanti esami hanno superato con 30 e lode? Quante lauree hanno preso? Dove hanno lavorato? E gli diamo in mano l'Italia? Siete tutti pazzi".

Berlusconi se l'è presa anche con le sue tv: "Non mi invitate mai qui, mentre ho visto Di Battista. Colpa di Confalonieri, quando l'ho incontrato l'ultima volta gli ho detto che non lo saluto più, perché è presidente di una tv che non lo invita mai". Una vera e propria ramanzina nei confronti di un'imbarazzata Barbara D'Urso, fatta da quello che tralaltro è il proprietario di Mediaset.

Attacchi anche sull'analisi costi benefici sulla Tav ("È piena di sciocchezze") e sul reddito di cittadinanza ("Non risolve nulla e sarà distribuito malissimo").

Sulla crisi venezuelana definisce il governo una "macedonia impazzita". "Ci siamo isolati e abbiamo fatto delle grandi brutte figure, dobbiamo pregare che non si scateni una lotta armata".

Infine, la soluzione ai problemi dell'Italia. Inutile dire che è un "centrodestra unito, che ha vinto tutte le elezioni dal 4 marzo".

(Unioneonline/L)

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...